Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, aumentano i contagi. Al Brennero intensificati i controlli sanitari, nuova ordinanza del ministro della Salute: tamponi obbligatori per chi rientra dai paesi a rischio

La nuova ordinanza prevede tamponi per chi rientra da Croazia, Grecia, Malta e Spagna. Inoltre si aggiunge la Colombia alla lista dei Paesi per cui è previsto divieto di ingresso e transito. Intanto tornano i controlli al Brennero per entrare in Austria 

Pubblicato il - 13 agosto 2020 - 08:22

TRENTO. Sono tornati ad aumentare i contagi in tutto il Paese e il Governo, assieme alle Regioni, ha deciso una nuova stretta sui rientri dai paesi a rischio e sui controlli soprattutto in vista del weekend di Ferragosto.

 

La ministra dell'Interno, Luciana Lamorghese, ha lanciato nelle scorse ore un appello ai giovani affinché tengano “comportamenti responsabili” e allo stesso tempo ha già allertato i prefetti per mettere in campo controlli più severi. I timori, visto l'andamento dei contagi, arrivano dalle festività dei prossimi giorni e da un ulteriore peggioramento della situazione. Distanziamento sociale e l'uso della mascherina nei luoghi chiusi sono norme di comportamento fondamentali ma che troppo spesso vengono ignorate.

 

E' ancora alta l'allerta anche in Trentino e in Alto Adige.  A Trento, ieri, dopo tanto tempo sono tornate ad aprirsi le porte del reparto di rianimazione dell’ospedale Santa Chiara. Si tratta infatti di uno dei tre pazienti che si trovavano ricoverati per Covid  e che ha avuto un peggioramento delle condizioni.

 

Ecco allora che accanto ad un inasprimento dei controlli c'è poi un nuovo giro di vite per quanto riguarda i viaggi all'estero. Sono sempre di più, infatti, i contagi registrati nel nostro Paese che riguardano persone appena tornate da paesi esteri. Positivi, ancor più pericolosi se asintomatici, che possono portare a veri e propri focolai.

 

Ieri, al termine di una giornata di confronto tra Stato e Regioni, è arrivata una nuova ordinanza del ministro della Salute Roberto Speranza che ha disposto il tampone obbligatorio per tutti coloro che rientrano in Italia da Croazia, Grecia, Malta e Spagna. Sono questi, secondo gli ultimi dati, i Paesi dove la situazione del contagio coronavirus è più critica. Speranza lo ha annunciato su Facebook: “Dobbiamo continuare - afferma - sulla linea della prudenza per difendere i risultati raggiunti negli ultimi mesi con il sacrificio di tutti". Oltre a questo, la Colombia è stata inserita tra i Paesi per cui è previsto divieto di ingresso e transito.

 

Da oggi riprendono anche i controlli sanitari al Brennero per entrare in Austria. Ad annunciarlo è stato ieri il governatore del Tirolo Günther Platter. Nelle ultime settimane, infatti, la metà dei contagi che sono stati rilevati sul territorio austriaco, hanno spiegato le autorità, sono ricollegabili a persone che ritornano da paesi a rischio. "La libertà di circolazione è un bene che va tutelato, ma la salute pubblica non può essere messa a repentaglio da chi aggira i controlli", ha detto Platter.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 27 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 ottobre - 20:24

Recentemente la Pat ha modificato i criteri dell'isolamento della classe: 2 alunni per il primo ciclo dell'infanzia, 1 studente negli istituti superiori. I pediatri: "Sono decisioni politiche. I minorenni sono spesso asintomatici e pauci-sintomatici e questo è rassicurante dal punto di vista del decorso della malattia, ma comunque c'è un fattore di rischio legato alla contagiosità che poi può arrivare in famiglia"

27 ottobre - 20:09

Tra i nuovi contagiati, 146 persone presentano sintomi, 3 casi sono ricondotti alla fascia d'età 0-5 anni, 15 positivi invece tra 6-15 anni, mentre 30 infezioni riguardano gli over 70 anni. Ci sono inoltre 33 nuovi casi tra bambini e ragazzi in età scolare

27 ottobre - 20:00

Il presidente Conte ha fatto il punto sul suo dpcm e sul nuovo decreto che accompagna le misure restrittive con molte risorse economiche di sostegno per chi è costretto a ridurre o chiudere la propria attività. Gualtieri: ''Abbiamo scelto le modalità più rapide di ristoro. Il contributo a fondo perduto sarà erogato automaticamente alle oltre 300.000 aziende che lo avevano avuto in precedenza e quindi contiamo per metà di novembre di aver fatto tutti i bonifici''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato