Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, caos in stazione. L'eccessivo afflusso di viaggiatori blocca un treno, intervengono le forze dell'ordine

E' successo questa mattina a Verona Porta Vescovo. Solo l'intervento delle forze dell'ordine ha consentito di tranquillizzare la situazione 

Pubblicato il - 30 maggio 2020 - 13:22

VERONA. Folla sui binari e treno bloccato. Caos questa mattina alla stazione di Verona Porta Vescovo. Un treno diretto a Venezia, infatti, è rimasto bloccato a causa dell'eccessivo afflusso di persone che ha colto di sorpresa tutti.

 

In queste settimane, come stabilito dalle direttive, i treni viaggiano con il 50% di posti disponibili per consentire il distanziamento interno. Trenitalia nel programmare i vari treni valuta la presenza degli utenti a seconda delle fasce considerando i giorni precedenti. Purtroppo, però, proprio oggi si è verificato un afflusso inaspettato.

 

La situazione all'interno del treno è diventata insostenibile proprio in prossimità della stazione di Verona Porta Vescovo tanto da costringere il personale di Trenitalia a chiedere gentilmente agli utenti di scendere (o comunque di non salire) fornendo in alternativa l'indicazione di un'altra corsa che a breve sarebbe partita. “Purtroppo – spiegano da Trenitalia – in tanti hanno deciso di non scendere dal treno e questo ha comportato il blocco del mezzo e la richiesta di intervento da parte delle forze dell'ordine”.

 

Tra le proteste dei viaggiatori nel corso della mattina la situazione si è fortunatamente normalizzata. Sull'afflusso nei treni in conferenza stampa è intervenuto anche il governatore Zaia. “I treni cominciano ad essere affollati e chiediamo a Trenitalia di rinforzare le tratte” ha affermato il presidente del Veneto.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 29 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

30 settembre - 11:03

Dopo l'uscita piuttosto pesante del presidente della Lega trentina sull'Svp che si allea a Bolzano con il centrosinistra, il consigliere provinciale di Alto Adige Autonomia Carlo Vettori ha consegnato in Consiglio regionale un'interrogazione, beccandosi gli insulti di Alessandro Savoi. "Finché fa il giullare in Consiglio provinciale a Trento non c'è problema, ma non si metta il becco nelle questioni altoatesine"

30 settembre - 05:01

Ieri l'incontro in Quinta Commissione provinciale tra i rappresentanti del Consiglio del sistema educativo e il direttore del dipartimento prevenzione dell'Apss. Sul tavolo anche le questioni sollevate da il Dolomiti sui tempi che si allungano per sapere l'esito dei tamponi per gli studenti (e si traducono in lunghi isolamenti anche per i genitori) e i test antigenici. Ecco cosa è emerso

30 settembre - 10:00

L'amministrazione comunale ,in una nota, ha ricordato che la temperatura massima interna della casa prevista dalla legge è di 20 gradi centigradi: temperature più basse peggiorano il comfort mentre a ogni grado in più di temperatura interna dell’aria corrisponde, ovviamente, un maggior consumo di combustibile

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato