Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, in 30 giorni sono stati contagiati dal Covid 82 lavoratori. Tra i più colpiti rimangono gli operatori socio-sanitari

E’ quanto emerge dal decimo report nazionale elaborato dall’Inail. I contagi da coronavirus avvenuti sul luogo del lavoro sono stati 82 nel mese di ottobre 

Pubblicato il - 23 novembre 2020 - 17:24

TRENTO. Gli operatori socio-sanitari, è questa la figura più colpita dagli infortuni sul lavoro da Covid-19 riconosciuti dall'Inail. I dati sono contenuti nel monitoraggio dell'istituto che viene fatto mensilmente.

 

Quella che da molti è stata chiamata convivenza con il virus, negli ultimi mesi ha portato continui contagi in ambiente lavorativo. Per quanto riguarda il Trentino, al 31 ottobre di quest'anno sono state 1320 le denunce di infortunio sul lavoro a seguito di Covid-19 segnalate all’Inail.


Casi di positività di lavoratori contagiati al lavoro e rimasti poi a casa. Per quanto riguarda la provincia di Trento, rispetto alla data di rilevazione del 30 settembre, le denunce di infortunio sul lavoro da Covid-19 sono aumentate di 90 casi con 82 avvenuti a ottobre.

 

Analizzando le professioni, il 99,4% dei casi vedono coinvolti operatori socio-sanitari; tra i tecnici della salute l'84,5% sono infermieri per poi passare agli operatori socio assistenziali a quelli dell'istruzione, delle case di riposo e gli ausiliari ospedalieri.


Purtroppo si registrano anche due decessi tra i lavoratori della gestione Industria e servizi. Le donne sono le più colpite e la fascia d'età maggiormente coinvolta va dai 50 ai 64 anni.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

15 gennaio - 19:18

Nella conferenza stampa straordinaria organizzata dalla giunta provinciale di Bolzano, Arno Kompatscher si è detto sconcertato dalla scelta del Cts di trasformare l'Alto Adige in zona rossa. "Abbiamo inviato una lettera a Roma. Sulla base dei dati confermiamo con l'ordinanza di stasera la zona gialla"

15 gennaio - 19:30

Sono tantissime le prese di posizione (di partiti e istituzioni) in favore della testata ma colpiscono, in particolare, le dichiarazioni di Fugatti (che si dice ''sorpreso''), dei sindacati (che ancora parlano di ''investimento'' riferendosi all'operazione predatoria compiuta sull'editoria locale da parte di Athesia) e dell'Ordine dei Giornalisti (che esprime la sua ''solidarietà''). Ora si pensi ai giornalisti ma non si dimentichino i collaboratori esterni e i fotografi che da una vita lavorano per poche decine di euro al giorno mettendoci tutto quel che hanno

15 gennaio - 18:35

Il direttore sanitario dell'Apss, Antonio Ferro spiega: "Preoccupa il livello di occupazione dei posti letto negli ospedali". Il presidente della Provincia chiede ancora "senso di responsabilità" ai trentini 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato