Contenuto sponsorizzato

Coronavirus in Alto Adige, altri 5 morti e 260 positivi. Rapporto contagi/tamponi ancora alto. Stabili i ricoveri in terapia intensiva

Sono stati analizzati 1.468 tamponi per 260 test risultati positivi e un rapporto contagi/tamponi che si attesta al 17,7%. Altri 5 morti, il bilancio sale a 179 vittime in questa seconda ondata, il totale è di 469 decessi da inizio epidemia. Sono 21.460 le persone che hanno contratto il coronavirus da marzo

Di L.A. - 23 novembre 2020 - 11:03

TRENTO. Altri 260 positivi e 5 morti. Questo il bollettino odierno di oggi, lunedì 23 novembre, per quanto riguarda l'emergenza coronavirus in Alto Adige. Il rapporto contagi/tamponi resta sempre alto in questo difficile momento e salgono le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero, ma restano stabili i ricoveri in terapia intensiva.

 

Sono stati analizzati 1.468 tamponi per 260 test risultati positivi e un rapporto contagi/tamponi che si attesta al 17,7%. Altri 5 morti, il bilancio sale a 179 vittime in questa seconda ondata, il totale è di 469 decessi da inizio epidemia. Sono 21.460 le persone che hanno contratto il coronavirus da marzo.

 

Sono 333 (+10) le persone ricoverate nei normali reparti ospedalieri, 140 nelle strutture private convenzionate 85 pazienti in isolamento nelle strutture di Colle Isarco e Sarnes. Sono 38 i cittadini che ricorrono alle cure della terapia intensiva. Attualmente invece sono 10.060 le persone in quarantena.

 

A livello provinciale a oggi (23 novembre) sono stati effettuati in totale 295.974 tamponi su 145.053 persone. Questi dati comunicati dall'Azienda per i servizi sanitari altoatesina, mentre nella giornata di ieri si è conclusa la campagna di screening di massa altoatesina: sono stati testati 343.227 cittadini e 3.185 sono i test risultati positivi, un rapporto contagi/tamponi che si attesta a 0,9% (Qui articolo).

 

Un'affluenza oltre ogni aspettativa, una raccolta dati che ora viene analizzata per pianificare l'uscita dal lockdown e la ripartenza dopo la scadenza dell'attuale ordinanza valida fino al prossimo 29 novembre (Qui articolo): "'L'1% di positivi trovati - ha spiegato il governatore Arno Kompatscher - in una settimana avrebbe infettato fino a 93.000 persone'' (Qui articolo). 

 

I numeri in breve:

Tamponi effettuati ieri (22 novembre): 1.468

Nuovi casi positivi: 260

Numero delle persone testate positive da PCR al coronavirus: 21.460 

Numero complessivo dei tamponi effettuati: 295.974 

Numero delle persone sottoposte al test PCR: 145.053 (+437)

Pazienti Covid-19 ricoverati nei normali reparti ospedalieri: 333

Pazienti Covid-19 ricoverati nelle strutture private convenzionate: 140

Pazienti Covid-19 in isolamento nelle strutture di Colle Isarco e Sarnes: 85 (74 a Colle Isarco e 11 a Sarnes)

Numero di pazienti Covid ricoverati in reparti di terapia intensiva: 38

Decessi complessivi (incluse le case di riposo): 474 (+5) 

Persone in isolamento domiciliare: 10.060 (delle quali 9 di ritorno da Croazia, Grecia, Spagna o Malta)

Persone che hanno concluso la quarantena e l'isolamento domiciliare: 45.695 (delle quali 1.494 di ritorno da Croazia, Grecia, Spagna o Malta)

Persone alle quali sinora sono state imposte misure di quarantena obbligatoria o isolamento: 55.755

Persone guarite: 9.371 (+264). A queste si aggiungono 1.262 (+5) persone che avevano un test dall'esito incerto o poco chiaro e che in seguito sono risultate negative al test. Totale: 10.633 (+269) 

Collaboratori dell'Azienda sanitaria positivi al test: 858, 549 guariti (al 14.11)

Medici di medicina generale e pediatri di libera scelta positivi: 32, 28 guariti (al 14.11)

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 gennaio - 11:05

L'Apss conferma l'errore: nell'ospedale di Rovereto sono state somministrate 12 dosi di soluzione fisiologica al posto dei vaccini. A dare la notizia eravamo stati noi de ildolomiti.it, senza ricevere alcuna risposta da parte delle autorità sanitarie. "Gli operatori sono stati informati. Non c'è nessun rischio per i soggetti coinvolti"

22 gennaio - 11:36

Cna-Shv, che da diversi mesi è solerte partner del Comune capoluogo per elaborare misure innovative per la consegna delle merci in centro (piattaforma di interscambio e cargo-bike) e nei quartieri (delivery point presso attività commerciali esistenti), insiste sulla necessità di rendere fluida l’attività dei corrieri e dei mezzi aziendali, e la mobilità in generale, ma non certo per agevolare alternative al preziosissimo commercio di vicinato”

22 gennaio - 05:01

Ad alcuni sanitari, invece della prima dose del vaccino, è stata somministrata per errore una semplice soluzione fisiologica. Ora, anziché presentarsi per il richiamo dovranno essere sottoposti a un test sierologico per capire chi ha ricevuto il vaccino e chi no (QUI L’AGGIORNAMENTO E LA CONFERMA DELL’ERRORE DA PARTE DELL’APSS)

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato