Contenuto sponsorizzato

Coronavirus in chirurgia a Feltre: ''Garantiti solo gli interventi d'urgenza''. Salgono a 360 i casi positivi in Veneto

L’attività chirurgica dell’ospedale di Feltre è momentaneamente rimodulata con la temporanea sospensione delle attività a scopo preventivo. Sono in corso indagini epidemiologiche per la ricostruzione dei contatti di un caso positivo al coronavirus

Di Luca Andreazza - 04 marzo 2020 - 12:48

FELTRE. Un contagio da coronavirus nel reparto di chirurgia dell'ospedale Santa Maria del Prato. Alcuni dipendenti della divisione sono in isolamento domiciliare perché sono venuti a contatto con una persona positiva.

 

La direzione ospedaliera si è trovata, così, costretta a rimodulare gli interventi chirurgici e vengono garantite solo le operazioni d'urgenza

 

L’attività chirurgica dell’ospedale di Feltre è momentaneamente rimodulata con la temporanea sospensione delle attività a scopo preventivo. Sono in corso indagini epidemiologiche per la ricostruzione dei contatti di un caso positivo al coronoavirus.

 

"A scopo precauzionale - spiega la dottoressa Marianna Lorenzoni, direttore medico dell'ospedale di Feltre - alcuni operatori sanitari sono in isolamento domiciliare, pertanto si è resa necessaria la rimodulazione dell’attività. Gli utenti interessati dalla riorganizzazione saranno informati della riprogrammazione degli interventi".

 

Salgono a 360 i casi positivi, l'aggiornamento è della Regione, alle 8 di questa mattina, mercoledì 4 marzo. Rispetto all'ultimo dato delle 17 di ieri, quando se n'erano registrati 333.

 

I ricoverati sono 99 (+18), di cui 23 sono in terapia intensiva (+4), e con 9 dimissioni. Si registra rispetto a ieri un morto in più all'ospedale di Venezia; altri due morti sono valutati per cause diverse dal coronavirus. L'area più colpita è quella di Treviso e provincia, con 93 casi, invariati rispetto a ieri, che supera il focolaio di Vò Euganeo, con 90 casi in aumento (+1) rispetto a ieri. Seguono Padova escluso Vò (58, +16), Venezia escluso Mirano (53, +6), il focolaio di Verona (22, +4), quello di Limena (14), Vicenza (11, +2), il focolaio di Mirano (7), Belluno (4) e Rovigo (3, +2). Altri tre casi (-3) sono in corso di assegnazione.

 

I CLUSTER DEL VENETO 
Vo' Euganeo 90 casi
Vicenza Provincia 11 casi
Verona Provincia 22 casi
Venezia Provincia (escluso focolaio Mirano-Dolo) 53 casi
Treviso Provincia 93 casi
Padova Provincia (escluso focolai Vo' e Limena) 58 casi
Mirano (Dolo) 7 casi
Limena 14 casi
Belluno Provincia 4 casi
Rovigo Provincia 3 caso

Casi collegati a focolai lombardi 2 casi
Indagine epidemiologica in corso 3 casi

I RICOVERATI IN OSPEDALE
Azienda ospedaliera di Padova 37 pazienti
Azienda ospedaliera di Verona 4 pazienti
Ospedale di Treviso 24 pazienti
Ospedale di Mestre 8 pazienti 
Ospedale di Venezia 10 pazienti
Ospedale di Mirano 1 paziente
Ospedale di Dolo 1 paziente
Ospedale di Vicenza 5 paziente
Ospedale di Legnago 3 paziente
Ospedale di Rovigo 4 paziente
Ospedale Sacro Cuore Don Calabria Negrar 2 pazienti

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 20 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 ottobre - 20:05

Ci sono 46 pazienti nelle strutture ospedaliere di Trento e Rovereto, nessuno si trova nel reparto di terapia intensiva ma 7 persone sono in alta intensità. Nelle ultime 24 ore sono stati trovati 94 positivi a fronte dell'analisi di 846 tamponi molecolari per un rapporto contagi/tamponi a 11,1%

20 ottobre - 17:58

La Provincia di Bolzano ha comunicato nuove limitazioni per frenare la diffusione del virus. In una giornata segnata dal record di positivi (ben 209), Kompatscher ha annunciato che le scuole superiori dovranno fare almeno un 30% della didattica a distanza. Sport e grandi eventi, con la cancellazione dei mercatini di Natale, gli altri ambiti maggiormente interessati

20 ottobre - 18:46

Sono 15 i milioni che saranno investiti nella realizzazione del nuovo collegamento funiviario che, in soli 7 minuti, percorrerà un tracciato di 3.8 chilometri per un dislivello di 644 metri. L'impianto collegherà l'abitato di San Cipriano con Malga Frommer, posta tra le piste da sci del comprensorio di Carezza. Intanto, però, si continua a scavare

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato