Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, in Croazia 11 contagi in 24 ore (non accadeva da oltre un mese). Kaić: ''I cittadini si sono rilassati troppo. Nessuno rispetta le precauzioni''

Per il Paese, con poco più di 4 milioni di abitanti, che dall'inizio dell'epidemia ha contato 2.269 nuovi contagi (la metà del solo Trentino) e 107 morti si tratta di un salto in avanti notevole (che non avveniva da metà maggio). Il premier: ''Il virus è lontano dall'essere stato sconfitto la pandemia nel mondo è ancora molto intensa''

Pubblicato il - 18 giugno 2020 - 19:18

ZAGABRIA. Undici casi in un solo giorno per una crescita di positivi da coronavirus in Croazia che non si vedeva da oltre un mese (era il 12 maggio scorso) e a fronte di soli 12 nuovi casi positivi segnalati in totale dall'1 giugno al 17 compreso. ''Ci siamo rilassati troppo e troppo presto'', ha commentato l'epidemiologico Bernard Kaić, dell’Istituto nazionale per la salute pubblica aggiungendo che ''nessuno rispetta più il distanziamento fisico necessario e vedere qualcuno con la mascherina è ormai molto difficile. Tutto ciò, ci ha fatto ripiombare in una fase in cui bisognerà prestare ulteriore attenzione''.

 

E mentre c'è chi, come lo stesso epidemiologo, ipotizza una seconda ondata già in arrivo, per un Paese di poco più di 4 milioni di abitanti che ha registrato in totale 2.269 contagi (meno della metà  del solo Trentino, con il dato di crescita più alto toccato l'1 aprile con 96 nuovi positivi) e 107 morti (meno di un quarto di quelli registrati in Trentino) anche il premier Andrej Plenkovic ha chiesto alla popolazione di continuare a comportarsi in modo responsabile, mantenendo la distanza fisica e rispettando gli accorgimenti e le misure di igiene personale

 

I nuovi casi, è stato spiegato dall'Unità di crisi della Protezione civile, sono quasi tutti importati dall'estero ma a preoccupare è anche l'ondata dei turisti, anche di quelli italiani, che in Croazia hanno effettivamente trovato un Paese praticamente dalle precauzioni bassissime soprattutto nelle località di mare. Da metà maggio sono riaperte tutte le attività produttive e i servizi pubblici e privati, con la distanza interpersonale di almeno un metro come misura di sicurezza adottata (oltre all'attenzione all'igiene. ''Il virus è lontano dall'essere stato sconfitto - ha aggiunto Plenkovic - la pandemia nel mondo è ancora molto intensa, e sono visibili nuovi casi soprattutto in Bosnia, Serbia e Albania. E' importante evitare una nuova diffusione del virus, particolarmente in vista della stagione turistica per tenere il Paese aperto''.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.21 del 25 Settembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 settembre - 14:56

L'incidente è avvenuto questa mattina poco prima di mezzogiorno. Le operazioni di soccorso sono durate più di due ore quando i due sono stati recuperati

27 settembre - 14:11
L'incidenza sul territorio provinciale si attesta a 36,85, mentre Bolzano è a 32,33 e la media italiana a 15,42. Più del doppio e un'altra Regione cerchiata in rosso è la Liguria che segna un 34,48 e in queste ore è stata inserita dalla Svizzera come "zona rossa". Un'incidenza per il Trentino alta anche nell'analisi degli ultimi 14 giorni
27 settembre - 13:36

L'amministrazione informa inoltre che l’istituto scolastico ha adottato tutte le procedure previste e ha seguito le indicazioni del protocollo stabilite in accordo con l’Azienda sanitaria per garantire la tutela della salute degli studenti e del personale scolastico

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato