Contenuto sponsorizzato

Coronavirus in Trentino, tre minorenni tra gli 80 contagi, un morto a Storo. A Pellizzano il 7,2% della popolazione positiva

Da inizio epidemia ci sono 4.368 casi e 382 morti con Covid-19 sul territorio provinciale. Sono 1.474 i guariti. Gli attuali positivi sono 2.432 persone

Di Luca Andreazza - 23 aprile 2020 - 19:32

TRENTO. Da inizio epidemia ci sono 4.368 casi e 382 morti con Covid-19 sul territorio provinciale. Sono 1.474 i guariti. I tamponi analizzati sono 1.467 per un risultato sopra al 5% di test positivi. Gli attuali positivi sono 2.432 persone (Qui articolo).


Ci sono 80 nuovi contagi e 1 decesso nelle ultime 24 ore. La vittima è di Storo, la quinta da inizio epidemia. Ci sono 36 morti a Trento, 31 a Arco, 30 a Pergine e 29 a Ledro. Sono 17 a Predazzo e Rovereto, 16 a Dro, 15 a Riva del Garda, 13 a Cavedine e Mezzolombardo, 12 a Pellizzano, 10 a Borgo Chiese e Nomi.

 

L'aggiornamento di Provincia Apss1.515 in isolamento domiciliare674 casi in Rsa mentre complessivi riguarda 1.207 persone41 nelle case di cura 19 in strutture intermedie. Sono 216 i pazienti ricoverati senza ventilazione, 18 in ventilazione semi-invasiva e 29 in ventilazione invasiva. Sono invece 364 i guariti e 1.110 i guariti clinicamente.


"Sono 34 i nuovi positivi nelle Rsa in particolare legato ai casi di Riva del Garda e Lavis. Ci sono poi tre minorenni, positività legate al contesto familiare", commenta il presidente Maurizio Fugatti

 

A Lavis e Riva del Garda ci sono rispettivamente 16 e 14 positivi per un totale di 90 e 135 casi da inizio epidemia. Sono stati registrati 9 contagi a Rovereto (152 casi) e 6 a Trento (546 casi).

 

Più 3 a Porte Rendena (22 casi), più 2 a Bleggio Superiore (52 casi), Borgo Chiese (88 casi), Mezzocorona (31 casi), Pellizzano (56 casi) e Pergine (227 casi). 


Un nuovo positivo a Avio (6 casi), Baselga di Pinè (17 casi), Besenello (7 casi) e Borgo d'Anaunia (30 casi), Brentonico (40 casi), Caderzone (13 casi), Canazei (83 casi), Cavalese (76 casi) e Cavedine (55 casi), Fiavè (8 casi), Levico (113 casi), Moena (29 casi), Mori (31 casi), Pieve di Bono-Prezzo (69 casi) e Pinzolo (58 casi), Predazzo (106 casi), San Michele (12 casi), Spiazzo (25 casi), Tesero (40 casi) e Tione (54 casi).  

 

Tassi di contagio. Sono 5 i Comuni già attenzionati per l'alto numero di casi in rapporto alla popolazione: Vermiglio (3,1%), Canazei (4,4%) e Campitello di Fassa (4,4%), Borgo Chiese (4,4%) e Pieve di Bono-Prezzo al 4,8% (Qui articolo).


Numeri alti anche a Pellizzano che si porta a 7,2%, quindi Bleggio Superiore (3,4%), Ledro (2,8%), Mazzin (2,6%), Cavedago (2,4%), Predazzo (2,3%), DrenaNomi e Storo (2,2%), San Giovanni di Fassa e Castello-Molina (2,1%), Spiazzo Soraga (2%), ArcoPinzolo e Caderzone (1,9%), Cavalese, Cavedine e Sella Giudicarie (1,8%). Il tasso a livello provinciale si attesa a 0,77%. Trento si trova a 0,45%, Rovereto a 0,35%, Pergine a 1% e Riva del Garda a 0,7%.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

18 gennaio - 05:01

L'ex rettore ha analizzato i dati contenuti negli indicatori dei report settimanali dell'Iss e ha scoperto che nella settimana conclusa lo scorso 10 gennaio, su 1471 "nuovi" contagi segnalati in Trentino, solo 624 si riferivano alla settimana considerata e ben 847 erano casi arretrati segnalati con grande ritardo. In questo modo verificando molto tardi gli antigenici con i molecolari, se risultano negativi spariscono dalle statistiche se risultano positivi non entrano nel conteggio della settimana corrente perché classificati "arretrati"

18 gennaio - 08:34

Con Renzi non viene solo espulsa la componente più avanzata del riformismo di sinistra ma si sancisce l’asse strutturale tra Pd e 5stelle il cui unico vero avversario era appunto Matteo Renzi

18 gennaio - 08:06

La strada in questione è quella che da Nago porta a Doss Casina sul monte Altissimo. Questa strada, per ordinanza del sindaco, è chiusa al traffico proprio per non esporre gli automobilisti ai pericoli dati dalla neve e dal ghiaccio

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato