Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, Ischia chiude il porto a lombardi, veneti e cinesi provenienti dalle aree del contagio

La decisione è arrivata poche ore fa con un ordinanza firmata dai sindaci dei sei comuni dell'Isola. Ecco il documento e le ragioni di una tale decisione

Pubblicato il - 23 febbraio 2020 - 16:16

ISCHIA. I sei comuni di Ischia ''chiudono i porti'' ai cittadini di Lombardia, Veneto e ai cinesi provenienti dalle aree colpite dall'epidemia e che vi abbiano soggiornato nelle ultime due settimane. La decisione clamorosa è di poche ore fa ed è stata presa dai sindaci dei sei comuni che vanno a comporre l'isola.

 

 

L'ordinanza specifica che la paura è quella di dover fronteggiare una crisi di contagi in un territorio come quello ischitano già in difficoltà proprio perché sganciato dalla terraferma. Sull'isola c'è solo un ospedale che, ovviamente, deve servire tutta la comunità per ogni evenienza, e i collegamenti con Napoli e il territorio nazionale non sempre sono agevoli soprattutto nel periodo invernale. Periodo, comunque, di notevole afflusso turistico.

 

Il divieto di accesso, si legge nell'ordinanza, dovrebbe essere fatto rispettare da "polizia municipale e forza pubblica", mentre spetterà alle "competenti autorità sanitarie locali" realizzare "presidi sanitari prima degli imbarchi per l'isola". Si presume, quindi, che verranno eseguiti dei controlli specifici al momento degli imbarchi con la verifica dei documenti di identità per capire da dove arriva il turista ed eventualmente non permetterne l'imbarco.

 

 

 
 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 27 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

28 ottobre - 10:49

Il presidente della Lega trentina attacca Governo “politici che fanno schifo” e sindacati “parassiti”. L’unico che si salva è Fugatti “che con coraggio e senso di responsabilità corregge il dogma di Conte dalle braghe onte”. La replica di Grosselli: “Un commento? Non serve. Bastano i dati dell’epidemia e la curva stimata qualora le misure non dovessero risultare efficaci”

28 ottobre - 11:55

Tovaglie e stoviglie stese a terra per una manifestazione ordinata e silenziosa: “Vogliamo ribadire con chiarezza che il settore dei pubblici esercizi e della ristorazione sta soffrendo in modo pesantissimo le limitazioni imposte dalla normativa anti-covid”

28 ottobre - 11:00

Il 39enne gambiano è stato fermato in Piazza Dante mentre consegnava della marijuana a un cittadino italiano, anche lui bloccato dagli agenti. Poi, però, in questura è scoppiato il parapiglia. Ecco cosa è successo

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato