Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, troppi contagi in Alto Adige. Ordinanza di Kompatscher con regole più stringenti del Dpcm. ''Blindati'' (con bar chiusi e niente eventi) Monguelfo e Sesto

Tre ordinanze del presidente della provincia di Bolzano due valide solo per i due comuni-cluster e una per tutto l'Alto Adige che, di fatto, recepisce il Dpcm ma lo rende ancor più stringente (dalle 18 nei bar potranno essere somministrati cibi e bevande solo a persone che occupano posti a sedere, stop agli sport di contatto che si svolgono al chiuso, forte raccomandazione di evitare gli sport di contatto all'aperto e divieto di utilizzo degli spogliatoi)

Di L.P. - 15 ottobre 2020 - 20:20

BOLZANO. Troppi contagi, mai così tanti in Alto Adige (oltre 200 in due giorni con i picchi di ieri, 124, e di oggi, 98, con numeri di tamponi in linea con i mesi scorsi quando i positivi si contavano con una mano) e allora anche il presidente Arno Kompatscher ha deciso di stringere le maglie. Si tratta di nuove misure riguardanti sia i cluster di Sesto Pusteria e Monguelfo, sia l'intero territorio provinciale.

 

In concreto, sia a Sesto Pusteria che a Monguelfo, verranno chiusi tutti i bar, mentre i ristoranti potranno rimanere aperti solamente fino alle 18. Fanno eccezione, per quanto riguarda l'orario serale, soltanto i ristoranti degli alberghi che devono fornire i pasti ai propri ospiti. Oltre a ciò, viene sospesa ogni manifestazione di qualsiasi tipo, dalle feste agli eventi sportivi  e culturali, mentre le cerimonie civili e religiose come matrimoni, funerali o battesimi potranno avere luogo solamente in presenza di un ristretto numero di familiari per un massimo di 15 persone.

 

Oltre a ciò, all'interno del territorio comunale dei due cluster scatta l'obbligo di indossare la mascherina tranne che all'interno della propria abitazione oppure all'aperto in condizioni di isolamento da altre persone. A cittadine e cittadini, infine, è raccomandato di limitare gli spostamenti da e verso tali comuni per limitare la diffusione del virus.

 

Ma da lunedì toccherà a tutto l'Alto Adige cambiare passo. Nel corso della giornata di domani (16 ottobre) il presidente Arno Kompatscher firmerà una nuova ordinanza che sarà in vigore dal 19 ottobre alla fine del mese di novembre e che varrà per tutto il territorio altoatesino. Durante le manifestazioni pubbliche sarà vietata la distribuzione di cibi e bevande, e dalle 18 nei bar potranno essere somministrati cibi e bevande solo a persone che occupano posti a sedere sia all'aperto che al chiuso.

 

Per quanto riguarda gli orari di chiusura, i bar dovranno abbassare le saracinesche alle 23, mentre i ristoranti non potranno restare aperti oltre le 24. Le cerimonie civili e religiose potranno ospitare un massimo di 30 persone e all'interno delle chiese continueranno a valere i protocolli attualmente in essere. Per quanto riguarda le attività sportive amatoriali (fanno eccezione quelle professionistiche, dilettantistiche e degli enti di promozione), stop agli sport di contatto che si svolgono al chiuso, forte raccomandazione di evitare gli sport di contatto all'aperto e divieto di utilizzo degli spogliatoi. "Si tratta di contesti che si sono dimostrati particolarmente fertili per la diffusione delle infezioni", spiega il presidente della Provincia.

 

"L'obiettivo di queste misure - aggiunge Kompatscher - è quello di evitare nel medio e lungo periodo interventi ancora più rigidi sulla vita economica e sociale della nostra terra". Martedì, durante la conferenza stampa al termine della Giunta provinciale, il presidente aveva annunciato che l'esecutivo si riservava di "intervenire con nuove ordinanze qualora i dati peggiorassero e vi fosse un trend evidente e costante improntato alla crescita". Il caso si è subito presentato. Nei Comuni di Sesto Pusteria e Monguelfo - Tesido sono stati individuati due focolai che hanno fatto aumentare notevolmente il numero di persone affette da Coronavirus: da qui la decisione di elaborare le ordinanze contingibili e urgenti numero 43 e 44, che sono state firmate nella serata di oggi dal presidente della Provincia. "Le misure entreranno in vigore da subito - conclude Kompatscher - e saranno valide per i prossimi 14 giorni. In questo modo puntiamo a contenere il numero dei casi e a circoscriverli".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 ottobre - 18:32

Il presidente della Provincia di Trento è parso ancora ottimista anche se rispetto a qualche giorno fa ha ammesso che qualche preoccupazione c'è. Ma sui ''pochi'' contagi nelle scuole (che pure in pochi giorni hanno raddoppiato le classi in quarantena) la responsabilità ha spiegato che è delle attività extrascolastiche: ''Questo è un tema. Stiamo riflettendo con l'Apss''

22 ottobre - 18:07
Sono stati analizzati 1.231 tamponi, tutti letti dal laboratorio di microbiologia dell'ospedale Santa Chiara di Trento, 153 i test positivi. Il rapporto contagi/tamponi si alza a 12,4%. E' stata sospesa l'attività di verifica tamponi ai laboratori della Fondazione Mach a causa dell'infezione che è arrivata nella struttura di San Michele
22 ottobre - 16:03

Si tratta di una coppia, tutti i colleghi sono stati sottoposti a tampone al laboratorio dell'Azienda sanitaria e sono risultati negativi. La Mach: ''E' la dimostrazione dell’efficacia dei protocolli antiCovid 19 adottati" ed interviene anche il direttore dell'Apss che ha precisato come il contagio non possa essere avvenuto all’interno dei luoghi di lavoro

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato