Contenuto sponsorizzato

Deraglia il treno ad alta velocità e finisce contro una palazzina. Ci sono due morti e una trentina di feriti

E' successo nelle primissime ore di questa mattina. Sul posto i soccorsi sanitari e la polizia. Sono morti i due macchinisti 

Pubblicato il - 06 febbraio 2020 - 08:17

MILANO. Gravissimo incidente nelle prime ore di questa mattina sulla linea alta velocità in provincia di Lodi.

 

Il treno alta velocità 9595 è deragliato. Era partito da Milano e diretto a Salerno.

L'incidente è avvenuto nel comune di Ospedaletto Lodigiano, nei pressi del casello A1, in zona cascina Griona.

 

Secondo una prima ricostruzione, che deve però ancora essere confermata, la motrice sarebbe uscita completamente dalla sede finendo contro una palazzina delle ferrovie, dove il treno ha terminato la sua corsa.

Nel deragliamento le vittime accertate per il momento sono due. Sono i macchinisti che avevano intorno ai 30 anni.

 

Sono una trentina i passeggeri che invece sono rimasti feriti. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.05 del 26 Ottobre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 ottobre - 04:01

È stato lo stesso Fugatti ad ammettere “che non è esclusa l’impugnazione del Governo” e ancora una volta il Trentino ha scelto la via più facile, ma meno sicura, per arrivare allo scontro con il Governo. Se per impugnare l’ordinanza dell’Alto Adige (appoggiata da una legge) servirebbe un lungo e complicato ricorso, per disinnescare quella trentina basta una pronuncia del Tar

26 ottobre - 19:32

Ci sono 86 persone nelle strutture ospedaliere di Trento e Rovereto, 5 pazienti si trovano nel reparto di terapia intensiva e 10 persone sono in alta intensità. Nelle ultime 24 ore sono stati trovati 113 positivi a fronte dell'analisi di 983 tamponi molecolari per un rapporto contagi/tamponi a 11,5%

26 ottobre - 18:58

I nuovi dati forniti dalla Provincia e dall'Azienda sanitaria dimostrano come l'allerta nelle Rsa rimane alta. Il direttore dell'Apss "Il focolaio maggiore è nella struttura di Malè" e accanto all'emergenza sanitaria c'è anche quella del personale  

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato