Contenuto sponsorizzato

Dopo il matrimonio in 27 sottoposti al tampone. Positiva al Covid la madre della sposa che lavora in un asilo di Montebelluna

Delle 27 persone sottoposte al tampone, buona parte erano sedute allo stesso tavolo della signora. A tutti gli altri invitati, invece, è stato suggerito di eseguire il test rapido per il coronavirus, senza limitazione ai loro spostamenti. I risultati dei tamponi sono attesi per le prossime ore

Pubblicato il - 10 settembre 2020 - 12:54

MONTEBELLUNA. Grandi festeggiamenti e una luna di miele in programma, ma purtroppo per una coppia di freschi sposi di Montebelluna e gli invitati al loro matrimonio, a sopraggiungerli è stata una brutta sorpresa. Infatti per 27 invitati su 150 sono scattati i tamponi e l'isolamento a casa. Infatti, pochi giorni dopo la festa, la mamma della sposa era risultata positiva al coronavirus.

 

Il giorno delle nozze aveva un po' di tosse, ma niente che sembrasse preoccupante. Poi, invece, è arrivata la conferma del contagio. A peggiorare la situazione il fatto che la signora lavori nell'asilo nido comunale, anche se la struttura non aveva ancora ospitato i bambini. La donna, però, aveva già preso parte da alcune riunioni organizzative. Sono quindi subito scattate tutte le precauzioni del caso e 4 colleghi su 11 che avevano avuto con lei contatti più stretti si sono trovati in quarantena, in attesa dell'esito dei tamponi.

Delle 27 sottoposte al tampone, buona parte erano sedute al suo stesso tavolo. A tutti gli altri invitati al matrimonio, invece, è stato semplicemente suggerito di eseguire il test rapido per il coronavirus, senza alcuna limitazione ai loro spostamenti.

 

I risultati dei tamponi sono attesi per le prossime ore. Nel caso in cui non ci fossero altri positivi, tutto rientrerebbe nella normalità, a partire dall'attività dell'asilo nido comunale, che lunedì, dovrebbe aprire i battenti senza alcuna limitazione. Quel che è già certo è che la mamma della sposa dovrà rimanere in isolamento domiciliare per almeno 14 giorni. Le sue condizioni al momento non destano particolari preoccupazioni. E questa è la cosa più importante. 

 

I matrimoni rimangono circostanze in cui è facile che il coronavirus si diffonda. Solo una settimana fa, il 3 settembre, infatti, dei 19 casi trovati extra focolaio in Trentino, era risultato positivo un operatore di Rsa che nei giorni passati aveva partecipato ad un matrimonio dove era rimasto contagiato.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 aprile 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Ricerca e università
21 aprile - 20:22
Secondo lo studio di Unitn le restrizioni riducono i contagi più dei vaccini. La ricercatrice: “Per non far ripartire il contagio sarà [...]
Cronaca
21 aprile - 19:25
Trovati 120 positivi, comunicato 1 decesso nelle ultime 24 ore. Sono state registrate 142 guarigioni. Sono 1.255 i casi attivi [...]
Politica
21 aprile - 17:34
I sindacati chiedono prima un cambio di passo su trasporti, utilizzo delle mascherine Ffp2 e vaccinazioni agli insegnanti: “E’ ovvio che [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato