Contenuto sponsorizzato

Dopo le critiche al vaccino anti-Covid dà il via a un torneo criticatissimo: ora Djokovic è positivo al coronavirus (e con lui altri giocatori e allenatori)

Qualche settimana fa si era distinto per aver dichiarato che se qualcuno avesse provato a rendere obbligatorio il vaccino al coronavirus per giocare nei tornei internazionali lui avrebbe preso le sue decisioni e in questi giorni aveva organizzato un Tour tra Serbia e Croazia in barba a ogni principio di precauzione

Di L.P. - 23 giugno 2020 - 16:57

BELGRADO. Era stato ribattezzato ''No-vax'' Djokovic e in molti erano allibiti per come stava gestendo il suo tour tra Belgrado e Zara, senza alcun tipo di accorgimento per prevenire il contagio, senza alcun tipo di precauzione, tra baci, selfie, abbracci e sorrisi. Voleva dimostrare, in qualche modo, che il coronavirus era cosa per altri ma non per lui, uno che solo poche settimane fa aveva posto una sorta di aut aut: ''Sono contrario alla vaccinazione contro il Covid-19 e non vorrei essere costretto a vaccinarmi per poter viaggiare: se dovesse diventare obbligatorio, dovrei prendere una decisione''.

 

E pronta era arrivata la replica di un altro campione, Rafa Nadal: ''In un circuito devi stare alle regole: se ci obbligheranno a vaccinarci per proteggere tutti, allora anche Novak dovrà farlo se vorrà continuare a giocare''. Lui, dopo la cancellazione di Wimbledon, ha deciso di continuare a giocare, ma a modo suo: senza nessun tipo di precauzione come se l'epidemia che ha sconvolto l'intero pianeta, causando oltre 472mila morti nel mondo e oltre 34mila in Italia, fosse qualcosa di poco conto, roba per altri.

 

E così nel torneo che ha organizzato in prima persona, l'Adria Tour, in pochi giorni sono stati trovati positivi varie persone, tra atleti e membri dello staff: prima il bulgaro Grigor Dimitrov, poi il croato Borna Coric erano stati contagiati e ancora Marco Panichi, preparatore fisico di Djokovic e Kristijan Groh, allenatore di Dimitrov Viktor Troicki e la moglie. Da giorni il torneo era nella bufera organizzato in Serbia e Croazia in barba alla pandemia di coronavirus ancora in corso anche nei Balcani (con delle recrudescenze proprio in quei Paesi negli ultimi giorni). Oggi la notizia che anche Novak è risultato positivo.

 

Un colpo fortissimo alla credibilità del campionissimo nella speranza che tutto si risolva nel più rapido tempo possibile e senza conseguenze di alcun tipo. “Ho fatto il test e sono positivo al virus, così come mia moglie Jelena mentre i nostri figli sono negativi”, questo il messaggio del campione che ha scatenato la bufera nel mondo del tennis.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 28 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

29 settembre - 05:01

Una famiglia si trova da martedì scorso tutta a casa in attesa dell'esito del tampone della figlia che da scuola, lunedì, era tornata con il raffreddore. E se ancora non è arrivata l'influenza e i primi raffreddori e mal di gola stanno arrivando proprio in questi giorni cosa succederà con il peggiorare della situazione? Sono sufficienti i tamponi a tenere sotto controllo la situazione?

29 settembre - 08:22

Da Parigi a Madrid l'ondata di virus non si ferma. In Germania è stato individuato un nuovo focolaio dopo una festa in famiglia fatta in un appartamento 

28 settembre - 18:59

Secondo l'Fp Cgil, dal 2013 sarebbero 102 i divulgatori (10 nell'ultimo mese) che hanno abbandonato il principale museo trentino per condizioni di lavoro inaccettabili. Orari non rispettati, contratti peggiorativi, competenze non riconosciute, alcune delle questioni al centro delle rivendicazioni di un settore in stato d'agitazione da ormai un anno

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato