Contenuto sponsorizzato

Dopo lo stop per il Covid, al via le campagne di vaccinazione. E per trovare spazi idonei si usano scuole e palestre

Dopo lo stop di alcune campagne di richiamo a causa dell'emergenza sanitaria da Coronavirus, ad Arco, Borgo Valsugana, Cavalese, Mezzolombardo, Rovereto, Pergine Valsugana, Pozza di Fassa, Primiero-Tonadico, Tione e Trento riprendono ufficialmente le vaccinazioni. E per trovare spazi idonei al rispetto delle misure di sicurezza si usano scuole e palestre

Pubblicato il - 01 luglio 2020 - 18:06

TRENTO. E' ufficialmente ripresa l'attività vaccinale in provincia. Dopo la sospensione dovuta all'epidemia da Coronavirus, dunque, i vaccini per l'infanzia, gli adolescenti e gli adulti hanno ricominciato a essere somministrati, nel rispetto comunque delle misure di prevenzione e di distanziamento.

 

Nuove misure sono state adottate per organizzare e programmare l'attività di vaccinazione, nel tentativo di individuare luoghi più idonei a mantenere le distanze di sicurezza e di conseguenza ad evitare gli assembramenti. La chiamata alla vaccinazione viene fatta con lettera o, in alcuni casi, telefonicamente, partendo dalle persone che avevano già iniziato un ciclo vaccinale prima della sospensione.

 

Per ogni seduta saranno così convocati un numero di persone tale da non causare affollamento nelle sale d'attesa, con gli operatoti che utilizzeranno dispositivi di protezione idonei per lavorare a distanza ravvicinata.

 

L'Azienda sanitaria, da parte sua, ribadisce l'importanza di questo strumento di sanità pubblica e raccomanda l'adesione alle vaccinazioni – dopo che da fine marzo queste erano state sospese per i bambini, eccetto quelli dal terzo mese fino ai due anni d'età, degli adolescenti e degli adulti, tranne quelle per le donne nel corso del terzo trimestre di gravidanza e per i pazienti ad alto rischio quali ad esempio gli immunodepressi.

 

Da oggi, con il via libera dei vaccini a Trento, riprenderanno i richiami del sesto anno di vita, riguardanti cioè difterite, pertosse, tetano, polio, morbillo, parotite, rosolia e varicella, quelli per i ragazzi e le ragazze nel dodicesimo anno di vita e i richiami contro tetano, pertosse, difterite, polio, meningite ACWY per i giovani al quindicesimo anno d'età. Al via anche le vaccinazioni degli adulti contro encefalite da zecca e, per i sessantacinquenni, herpes zoster e pneumococco.

 

Le vaccinazioni sono effettuate ad Arco, Borgo Valsugana, Cavalese, Mezzolombardo, Rovereto, Pergine Valsugana, Pozza di Fassa, Primiero-Tonadico, Tione e Trento, con la previsione di concludere le operazioni di richiamo entro la fine di agosto. In particolare, per quanto riguarda il capoluogo, le vaccinazioni saranno effettuate nelle palestre dell'Istituto tecnico e tecnologico Buonarroti entro il 24 agosto.

 

Grazie alla collaborazione con scuole, Comuni, comprensori e protezione civile del Trentino è stato possibile reperire locali idonei attrezzati per garantire le vaccinazioni in sicurezza. L'Apss, da parte sua, ringrazia per la fattiva partecipazione i vigili del fuoco, l'associazione nazionale carabinieri, l'associazione alpini, per la gestione logistica delle sedute vaccinali.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 18 giugno 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
18 giugno - 19:10
Vertice tra Provincia, Upipa e Spes per l’analisi delle richieste che sono arrivate dal mondo delle case di riposo. L'assessora Stefania [...]
Cronaca
18 giugno - 18:58
Il sindacato dei giornalisti del Trentino Alto Adige incassa una vittoria (''parziale'') sul fronte della condotta antisindacale da parte della [...]
Cronaca
18 giugno - 16:15
Lo ha annunciato il ministero per la Salute prolungando anche le misure di ingresso da India Bangladesh e Sri Lanka
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato