Contenuto sponsorizzato

Dramma alle cascate di Fanes, dopo una settimana il corpo di Lostia è riemerso e si è impigliato tra le rocce poco fuori dalla vasca

Dopo giorni di ricerca, tentativi di immersioni nella grande pozza, ricognizioni con elicottero e droni, il corpo di Alfonso Maria Lostia è ritornano naturalmente in superficie. Oggi erano previste nuove operazioni per provare a deviare il flusso e tornare a visionare le acque

Pubblicato il - 21 August 2020 - 15:35

CORTINA D'AMPEZZO. Dopo giorni di ricerca, tentativi di immersioni nella grande pozza, ricognizioni con elicottero e droni, il corpo di Alfonso Maria Lostia è ritornano naturalmente in superficie e si è fermato tra le rocce poco fuori della vasca. E' stato individuato dai tecnici del Gruppo forre del Soccorso alpino che hanno provveduto al recupero con il nucleo Saf dei vigili del fuoco

 

Questa mattina, venerdì 21 agosto, le cascate di Fanes hanno restituito il corpo di Alfonso Maria Lostia, scomparso nelle acque del torrente dal 14 agosto scorso. Oggi erano previste nuove operazioni per provare a deviare il flusso e tornare a visionare le acque.

 

Nei giorni scorsi, dopo che dall'acqua era emersa la giacca contenente il cellulare e una scarpa, un presidio quotidiano ha monitorato il corso del Fanes, setacciato più volte fino al Boite, diversi tecnici sono entrati nella vasca costretti a fermarsi per il rischio troppo elevato tra correnti forti e portate proibitive, sono stati utilizzati i droni e una telecamera subacquea.


Il corpo è stato individuato nella mattina di oggi e le operazioni di ricerca sono state dichiarate così concluse. Il 38enne era precipitato per circa 60 metri dal sentiero per finire in acqua, senza più riemergere. La barella è stata poi presa in carico dall'elicottero del Suem di Pieve di Cadore e trasportata in località Fiames per essere affidata al carro funebre alla presenza della guardia di finanza e portata nella cella mortuaria per poter essere finalmente pianta dai familiari.

 

Tante le unità che in questi giorni hanno preso parte alle operazione tra il soccorso alpino di Cortina, il gruppo forre e speleosub del Soccorso alpino, i vigili del fuoco con nucleo Saf e sommozzatori, i soccorritori del Sagf, i carabinieri. Il primo giorno era stata effettuata una ricognizione da parte dell'elicottero dell'Aiut Alpin Dolomites di Bolzano.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 17 aprile 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
19 aprile - 16:55
L'A22 è stata riaperta da poco, le operazioni si sono rivelate lunghe per la necessità di pulire la sede dai numerosi detriti e rimuovere il [...]
Cronaca
19 aprile - 16:22
Sono stati analizzati 636 tamponi tra molecolari e antigenici. Oggi 5 casi tra over 60 e 3 contagi tra giovani e ragazzi in età scolare, ci sono [...]
Cronaca
19 aprile - 16:08
L'incidente è avvenuto tra l'uscita 6 per Trento Centro e la 7 per Campotrentino proprio sopra il ponte sull'Adige
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato