Contenuto sponsorizzato

Due rapine, un furto e un’estorsione in poche ore: minorenne arrestato dalla polizia

Notte di violenza per un baby-rapinatore che, armato di coltello, ha terrorizzato le sue vittime. Il minorenne in poche ore ha compiuto due rapine, un furto e persino un’estorsione arrivando a minacciare di violenza sessuale una ragazza

Foto d'archivio
Pubblicato il - 19 giugno 2020 - 12:49

BOLZANO. Due rapine, un furto e un’estorsione, il tutto condito da varie minacce e armato di coltello, questa la notte di violenza vissuta da un giovanissimo malvivente, non ancora maggiorenne.

 

Il primo episodio è avvenuto poco dopo la mezzanotte, quando un giovane ha denunciato al “112” di essere stato rapinato da un ragazzo che conosceva di vista e che lo aveva avvicinato con la scusa di una sigaretta mentre stava chiacchierando con un amico. Nonostante la vittima avesse mostrato il portafoglio vuoto, il minorenne, ha tentato di strappargli lo zaino che portava a tracolla, intimandogli di mollare la presa se non voleva essere colpito con un coltello a scatto che nel frattempo aveva estratto da una tasca. Non contento del bottino, prima di allontanarsi, il rapinatore in erba si è impossessato anche di un ombrello che l’amico della vittima aveva appoggiato nelle vicinanze.

 

Qualche ora più tardi, lo stesso ragazzino si è reso protagonista di una rapina e di un’estorsione ai danni di alcuni giovani che stavano tranquillamente fumando una sigaretta davanti ad un locale ormai chiuso.

 

La tecnica utilizzata è stata la stessa, il minorenne si ha avvicinato il gruppetto con una scusa, poi ha chiesto soldi con fare minaccioso. Poiché uno dei giovani non aveva denaro con sé, ha iniziato a “perquisirlo”, infilandogli le mani nelle tasche e sottraendogli le chiavi di casa. Non contento, ha proseguito nella ricerca di denaro, rovistando nelle tasche degli altri giovani presenti, svuotando il portafogli di uno dei malcapitati, senza trovare denaro ed impossessandosi comunque di un cellulare e di un paio di cuffiette bluetooth. Ha tentato anche di strappare una collanina d’oro dal collo di un ragazzo, senza riuscirvi per la sua pronta reazione.

 

Visto che il baby-rapinatore pretendeva del denaro per restituire il maltolto, una ragazza, che in precedenza era stata malamente apostrofata e minacciata di violenza sessuale, seppur terrorizzata, si è offerta di effettuare un prelevamento da un vicino bancomat, nella speranza che il loro persecutore li lasciasse in pace e restituisse quanto rubato. Il minorenne ha preteso che la ragazza si portasse da sola con lui presso il bancomat, ordinando agli amici di rimanere fermi dove si trovavano. A quel punto si è fatto consegnare 50 euro. Nel frattempo, gli amici, rimasti in attesa, hanno approfittato di questo attimo di distrazione e sono riusciti a recuperare un cellulare con il quale hanno allertato il “112” senza farsi notare.

 

Una volta in possesso del denaro estorto alla sua vittima, il minorenne ha restituito parte del “bottino” agli altri malcapitati, tenendosi comunque le cuffiette bluetooth. Mentre cercava di allontanarsi indisturbato si è imbattuto nella volante della polizia e si è dato alla fuga, saltando all’interno del balconcino di una vicina abitazione. Qui però è stato però prontamente raggiunto dai poliziotti, che lo hanno arrestato in flagranza di reato, avendolo trovato in possesso del denaro e delle cuffiette frutto della rapina e dell’estorsione ai danni dei ragazzi.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 settembre - 05:01

La kermesse è in agenda da venerdì 9 a domenica 11 ottobre. Il titolo, svelato alla fine dell'anno scorso a preludio di quella che sarebbe dovuta essere l'estate di Olimpiadi e Europei, è "We are the champions" e (quasi) tutto è in formato Digilive. "Ci si apre a una platea sconfinata", ma gli eventi in presenza si tengono nella città meneghina

24 settembre - 08:50

L'autopsia effettuata nelle scorse ora ha permesso di capire che i resti si trovavano in acqua da almeno tre mesi. Alcuni campioni sono già stati spediti ai laboratori del Ris di Parma per risalire all'identità 

24 settembre - 08:15

Purtroppo i contagi tornano a salire e i governi europei sono in allarme per una situazione che in alcuni casi è fuori controllo. A Marsiglia a Aix-en-Provence, nel Sud della Francia, bar e ristoranti da lunedì osserveranno una chiusura totale

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato