Contenuto sponsorizzato

E' allarme per un gesto estremo nell'Adige: era solo un tuffo per San Martino. Si scusa ma per un bagno mobilitati elicottero, vigili del fuoco e sanitari

I lavoratori hanno avvistato una persona gettarsi nelle acque del canale Biffis, un corso artificiale che "costeggia" il fiume Adige e utilizzato per scopi irrigui e idroelettrici che arriva fino a Verona. Un grande dispiegamento di forze ma l'uomo si era solo voluto fare una nuotata

Foto d'archivio
Di L.A. - 11 November 2020 - 18:46

AVIO. Oltre 25 soccorritori in azione, elicottero compreso, e un'ora di ricerche e altissima tensione in Bassa Vallagarina, un dispiegamento di forze per un bagno nel giorno di San Martino, questa almeno la motivazione dell'uomo. Un'operazione che si è conclusa con le scuse del nuotatore.

 

L'allarme è stato lanciato intorno alle 15.30 di oggi, mercoledì 11 novembre, da parte di alcuni operai della ditta impegnata nei lavori di manutenzione al ponte della pista ciclabile tra i centri abitati di Ala e Avio.

 

I lavoratori hanno avvistato una persona gettarsi nelle acque del canale Biffis, un corso artificiale che "costeggia" il fiume Adige e utilizzato per scopi irrigui e idroelettrici. 

 

Questo canale inizia nel comune di Ala e termina in quello di Verona, poco a nord di Bussolengo e Chievo. Gli operai hanno subito pensato a un gesto estremo e hanno allertato il Numero unico delle emergenze per segnalare quanto accaduto.

 

E' così subito entrata in azione la macchina dei soccorsi, l'ambulanza della Stella d'Oro si è portata lungo le sponde dell'Adige pronta a ogni evenienza, quindi si sono attivati i vigili del fuoco di Ala e il corpo di Avio

 

I pompieri hanno iniziato a setacciare il canale e il fiume per cercare di localizzare l'uomo, mentre da Trento è decollato l'elicottero con a bordo il nucleo Saf dei permanenti di Trento e l'equipe medica

 

Momenti di grandissima tensione in quanto le operazioni di ricerca si erano rivelate fin a quel momento negative, nessuna traccia dell'uomo e nessun ritrovamento di segni particolari o indumenti trascinati dalla corrente, in quanto la persona si era tuffata vestita secondo le testimonianze degli operai.

 

Nel frattempo anche i carabinieri sono stati interessati e i soccorritori si stavano riorganizzando per un ulteriore sforzo, quando gli operai hanno telefonato al 112 per segnalare che l'uomo si trovava lungo la ciclabile. E' stato immediatamente raggiunto dai vigili del fuoco, dai militari dell'Arma e dagli operatori sanitari. La motivazione di quel tuffo? E' una tradizione nel giorno di San Martino, una nuotata in acqua. 

 

Un periodo delicato con la macchina dei soccorsi sotto fortissima pressione a causa della recrudescenza dell'epidemia e un intervento del quale si sarebbe potuti tranquillamente fare a meno. L'uomo si è scusato dopo l'identificazione e alcuni controlli medici, quindi è stato riaccompagnato a casa.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 27 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

28 January - 05:01

In una conferenza stampa a senso unico, come al solito, dove è impossibile interloquire e quindi riuscire a capire davvero qualcosa i due vertici dell'Apss hanno provato a spiegare la situazione alla luce dei dati completi mostrati da il Dolomiti in questo grafico dell'Apss. Tra le motivazioni dei troppi decessi il fatto che la popolazione trentina è particolarmente anziana. In valore assoluto, però, l'Alto Adige lo è ancora di più (il 15,6% della popolazione rispetto al 14,1% del Trentino di over 65) quindi quei 350 decessi in più non si spiegano

28 January - 09:58

Sul rientro in Italia lo zio Gianni Forti spiega: "Chico è in carcere da oltre 20 anni e una condanna simile come quella che ha avuto lui non c'è in Italia. E' una situazione abbastanza fumosa”

27 January - 22:12

In particolare nel mese di novembre il Trentino è stato travolto dal contagio, ma solo una parte parziale dei dati è stato comunicato ufficialmente. L'ex rettore Bassi: " Per due mesi ci hanno raccontato che 'gli ospedali si erano riempiti perché i trentini ultra settantenni erano un po' troppo scapestrati e invece di starsene a casa, andavano in giro e si contagiavano'. Una bugia, purtroppo una delle tante"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato