Contenuto sponsorizzato

Ecco come una persona propaga l’epidemia (VIDEO). La polizia: “Scelte irresponsabili possono far collassare il sistema sanitario”

L’appello che viene rivolto in primis alla popolazione è quello di rimanere a casa, nel video realizzato dalla polizia viene mostrata la grande differenza che può fare un singolo individuo nello spargere o frenare l’epidemia: “Rispettando le regole diamo la possibilità ai medici di salvare quante più vite possibili”

Di Tiziano Grottolo - 24 March 2020 - 12:58

TRENTO. I decreti che limitano gli spostamenti con l’obiettivo di ridurre le possibilità di contatto fra persone e quindi i conseguenti contagi, sono in vigore da diverse settimane, l’ultimo, il più restrittivo da alcuni giorni. Dati alla mano si può affermare gli italiani stanno rispettando le direttive.

 

Alcuni però vengono sorpresi fuori dalle proprie abitazioni senza un valido motivo e pertanto vengono denunciati. Nella ricostruzione realizzata dalla polizia di stato si spiegano i rischi connessi all’uscire di casa, mostrando in particolare come persino una persona sana possa contribuire a propagare l’epidemia. Una mancanza di coscienza che, moltiplicata per un certo numero di individui, può contribuire addirittura al collasso del sistema sanitario. Poniamo infatti il caso di una persona sana, non affetta da coronavirus, che sceglie di uscire casa solo perché si annoia, per semplicità chiameremo questa persona con un nome di fantasia: Luca. Con il suo gesto, Luca, moltiplica le possibilità di entrare in contatto con altre persone potenzialmente infette.

 

Proseguendo nel suo viaggio Luca, sfortunatamente, entra in contatto proprio con una persona positiva al Covid-19, magari asintomatica e pertanto inconsapevole di aver contratto la malattia, Luca viene contagiato, pur non mostrando i sintomi. Dopodiché Luca frequenta nuovamente luoghi affollati ed entrando in contatto con altre persone le infetta. A questo punto può verificarsi un contagio a catena, le persone che sono state infettate da Luca (che era uscito di casa senza motivo) trasmetteranno a loro volta il coronavirus ad altre persone, magari al lavoro, quando sono in ufficio o a casa dai propri famigliari.

 

 

“La vicinanza sociale e gli spostamenti inutili aumentano il contagio” sottolinea la polizia. Tornando alla ricostruzione precedente però, il danno ormai è fatto, con l’aggravio che alcune delle persone contagiate potrebbero essere anziani o già affette da altre patologie, pertanto più fragili. Sempre più persone devono ricorrere alle cure ospedaliere contribuendo a congestionare le strutture sanitarie, altre perfino potrebbero addirittura non trovare un posto letto. “Anche una semplice passeggiata – ricorda la polizia – può aumentare le possibilità di contagio”.

 

Pertanto l’appello che viene rivolto in primis alla popolazione è quello di rimanere a casa, nel video viene mostrata la grande differenza che può fare un singolo individuo nello spargere o frenare l’epidemia. “Parliamo di una responsabilità comune per guarire il Paese – fanno sapere dalla polizia – e ci rivolgiamo alle persone che rispettando le regole danno la possibilità ai medici di salvare quante più vite possibili. Restando a casa anche voi siete in prima linea contro il coronavirus”.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 aprile 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
23 aprile - 15:55
La Giunta provinciale ha dato il via per il percorso organizzativo, amministrativo e di comunicazione necessario per l'apertura delle scuole [...]
Cronaca
23 aprile - 15:08
Sul posto si sono portati i vigili del fuoco di Levico Termine e di Pergine che grazie all'intervento immediato sono riusciti a contenere le fiamme [...]
Cronaca
23 aprile - 13:30
Da lunedì praticamente tutta Italia tornerà gialla e il Governo ha dato un via libera a moltissime riaperture ma per le regioni non è [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato