Contenuto sponsorizzato

Entra in negozio e trova il collega a terra. Tenta di rianimarlo ma gli muore tra le braccia

Il dramma è avvenuto ad Asiago. Angelo Rodeghiero, 47 anni, pasticcere era molto conosciuto. Il collega appena entrato nel negozio lo ha visto riverso a terra ed ha chiamato i soccorsi iniziando il massaggio cardiaco. Purtroppo per il 47enne nulla da fare 

Pubblicato il - 27 giugno 2020 - 08:30

ASIAGO. Ha tentato in tutti i modi di salvarlo, di rianimarlo ma gli è morto tra le braccia. E' stato stroncato da un malore Angelo Rodeghiero, 47 anni, conosciuto pasticcere di Asiago. Nulla purtroppo ha potuto fare il collega che subito è corso in suo aiuto.

 

L'uomo era molto conosciuto e stimato ad Asiago. Ha lavorato alla "Vecchia Milano" per più di 25 anni.

 

Da una prima ricostruzione, un collega è entrato nel negozio e ha trovato Angelo riverso a terra probabilmente colpito da un malore. Immediatamente ha chiamato i soccorsi sanitari ed ha iniziato a praticargli subito il massaggio cardiaco.

 

Purtroppo, però, questo non è servito. Angelo gli è morto tra le braccia.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 29 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

29 settembre - 20:54
L'esecutivo comunale è composto da 4 donne: 2 in quota Partito democratico, una rappresentante per Azione-Unione e Insieme. Il primo cittadino, Franco Ianeselli, ha delineato la Giunta a palazzo Thun chiamata a guidare Trento per i prossimi 5 anni: "Lavoriamo per la città in un'ottica di sostenibilità ecologica, economica, sociale e istituzionale"
29 settembre - 19:46

Sono 25 fino a questo momento le classi messe in quarantena perché sono stati riscontrati alunni positivi, ma 9 di queste hanno già terminato il periodo di isolamento mentre le altre 16 dovrebbero concludere questa misura tra pochi giorni

29 settembre - 20:36

L’assessore all’istruzione parla di “discriminazione ai danni dei nostri cittadini” ma l’unica ad aver discriminato qualcuno è la Provincia di Trento, così come stabilito da un giudice. Se un tribunale, di fronte a un ricorso di un cittadino, applica le leggi la colpa non è sua ma di quella Giunta incapace di scrivere un provvedimento degno di questo nome

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato