Contenuto sponsorizzato

Entra nel centro storico con il permesso Ztl scaduto e prende 46 multe. Ne dovrà pagare 3: "Era in buona fede"

E' successo ad un commerciante di Trento. La vicenda è finita davanti al giudice di pace che ha stabilito come la reiterazione della violazione, nell'arco di 14 giorni, fosse in buona fede 

Pubblicato il - 17 maggio 2020 - 08:40

TRENTO. In quattordici giorni è riuscito a prendere 46 multe. Il motivo? Non aveva rinnovato il permesso della Ztl. A finire nei guai era stato un commerciante del centro storico di Trento che si era trovato a pagare quasi 5mila euro.

 

Le multe, ovviamente, non erano arrivate tutte assieme.Quello del commerciante, che entrava in centro storico per raggiungere il proprio negozio, era una violazione inconsapevole visto che ignorava il fatto che il suo pass fosse scaduto in quelle due settimane.

 

La vicenda è finita davanti al giudice che, fortunatamente, ha riconosciuto la buona fede del commerciante e delle 46 sanzioni, solo 3 saranno quelle che dovrà pagare.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 ottobre - 16:03

Si tratta di una coppia, tutti i colleghi sono stati sottoposti a tampone al laboratorio dell'Azienda sanitaria e sono risultati negativi. La Mach: ''E' la dimostrazione dell’efficacia dei protocolli antiCovid 19 adottati" ed interviene anche il direttore dell'Apss che ha precisato come il contagio non possa essere avvenuto all’interno dei luoghi di lavoro

22 ottobre - 13:19

Una proposta semplice quanto efficace che permetterebbe agli esercenti di ''salvare'' la stagione come avvenuto in estate tra plateatici allargati e tavolini all'aperto. Con il freddo si dovrebbe, altrimenti, tornare al chiuso ma tra regole sul distanziamento e la paura del ritorno del Covid-19 il rischio che gli spazi coperti restino semi-vuoti appare molto concreto

22 ottobre - 12:31
Un elenco che contiene buona parte dell'Italia, ma anche dell'Austria, così come Polonia, Croazia, Svezia e Svizzera. Nelle scorse settimane invece la Svizzera ha inserito nell'elenco delle aree a rischio Veneto, Campania, Sardegna e Liguria
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato