Contenuto sponsorizzato

Estorce denaro a padre e figlio per un debito di droga: arrestato 23enne

L'indagine è scattata nel mese di giugno scorso, quando i carabinieri sono intervenute in un'abitazione del quartiere Don Bosco a Bolzano, dove c'era da poco stata la deflagrazione di un ordigno artigianale

Pubblicato il - 25 luglio 2020 - 11:42

BOLZANO. Nella giornata di ieri, venerdì 24 luglio, i carabinieri hanno arrestato un 23enne bolzanino, con precedenti, per estorsione di denaro a padre e figlio.

 

L'indagine è scattata nel mese di giugno scorso, quando i carabinieri sono intervenute in un'abitazione del quartiere Don Bosco dove c'era da poco stata la deflagrazione di un ordigno artigianale.

 

Approfondendo il contesto dell'intervento, i poliziotti hanno parlato con i due inquilini dell'abitazione, padre e figlio, scoprendo che i due subivano richieste di denaro da parte di un giovane di 23 anni (amico del figlio) per un debito legato ad una fornitura di droga. 

 

Nel corso dell'indagine, è stato poi indagato un altro giovane bolzanino di 25 anni, con precedenti di polizia, che nella sua abitazione era stato scoperto avere un etto di marijuana, una scacciacani priva di tappo rosso e una bomboletta con all'interno del liquido, in corso di analisi. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 28 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

29 settembre - 18:05

Oggi la Giunta provinciale ha approvato il documento attraverso il quale si avvierà la riduzione delle presenze all'interno della residenza fino alla chiusura. Sul tema dell'accoglienza il neo sindaco di Trento, Franco Ianeselli, ha spiegato che tra Pat e Comune ci sono due linee opposte: "Sbagliato scaricare sulla città tutti gli oneri come è stato fatto negli ultimi anni. La strada giusta è l'accoglienza diffusa"

29 settembre - 18:14

La Provincia rinnova infine l'appello di seguire le regole: "Si devono tutelare il più possibile gli anziani, obiettivo che i giovani devono concorrere a raggiungere attuando le regole igieniche e il corretto distanziamento"

29 settembre - 17:19

Se Riva pare la piazza più in bilico dove la destra potrebbe tentare il colpo forte anche dell'alleanza con i civici di Malfer e il Patt locale, quello provinciale ricorda ai suoi elettori da che parte sta l'Autonomia. Intanto anche le Sardine tornano a farsi sentire (giovedì a Riva alle 17 ci sarà un flash mob) ben consce del fatto che anche nelle piazze dove qualcuno poteva sperare nel cambiamento il rischio di ritrovarsi con la Lega del Trentino (e non quella di Zaia) al governo è troppo alto 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato