Contenuto sponsorizzato

Festa in appartamento con 11 persone: in meno di un’ora 5.280 euro di contravvenzioni

Quando a mezzanotte i carabinieri hanno fatto irruzione, nell’appartamento era in corso una festa con 11 partecipanti. Tutti i presenti sono stati identificati e multati con 480 euro di contravvenzione

Pubblicato il - 05 dicembre 2020 - 16:54

VERONA. Erano all’incirca le 24 della notte fra il 4 e il 5 dicembre quando i carabinieri hanno ricevuto una segnalazione arrivata da alcuni residenti di via Largo Caldera a Verona, disturbati da musica e schiamazzi. Arrivati sul posto i militari non hanno impiegato molto tempo a individuare l’appartamento da dove provenivano i rumori molesti.

 

I carabinieri hanno scoperto che all’interno dell’abitazione era in corso una festa e dopo aver fatto spegnere la musica hanno proceduto all’identificazione dei presenti. In totale c’erano 11 persone, tutti sono stati multati per un totale di 5.280 euro. I trasgressori potranno beneficiare di una riduzione solo se pagheranno entro cinque giorni.

 

Nonostante il singolare episodio, nella grande maggioranza dei casi, persone e locali rispettano le nuove disposizioni per la prevenzione dei contagi. Durante i servizi di controllo i carabinieri si sono soffermati spesso a dialogare con i giovani per far comprendere loro l’importanza dell’uso della mascherina, dell’igiene delle mani e del distanziamento sociale.

 

Ad ogni modo i militari invitano chiunque noti delle situazioni di potenziale rischio per l’incolumità pubblica a contattare tempestivamente il 112 che procederà con i controlli.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 gennaio - 11:05

L'Apss conferma l'errore: nell'ospedale di Rovereto sono state somministrate 12 dosi di soluzione fisiologica al posto dei vaccini. A dare la notizia eravamo stati noi de ildolomiti.it, senza ricevere alcuna risposta da parte delle autorità sanitarie. "Gli operatori sono stati informati. Non c'è nessun rischio per i soggetti coinvolti"

22 gennaio - 11:36

Cna-Shv, che da diversi mesi è solerte partner del Comune capoluogo per elaborare misure innovative per la consegna delle merci in centro (piattaforma di interscambio e cargo-bike) e nei quartieri (delivery point presso attività commerciali esistenti), insiste sulla necessità di rendere fluida l’attività dei corrieri e dei mezzi aziendali, e la mobilità in generale, ma non certo per agevolare alternative al preziosissimo commercio di vicinato”

22 gennaio - 05:01

Ad alcuni sanitari, invece della prima dose del vaccino, è stata somministrata per errore una semplice soluzione fisiologica. Ora, anziché presentarsi per il richiamo dovranno essere sottoposti a un test sierologico per capire chi ha ricevuto il vaccino e chi no (QUI L’AGGIORNAMENTO E LA CONFERMA DELL’ERRORE DA PARTE DELL’APSS)

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato