Contenuto sponsorizzato

(Foto e Video) Maltempo, l'agricoltura veneta devastata da grandine e allagamenti. Vigneti e campi di mais distrutti

Numerosi danni anche nelle città. I vigili del fuoco hanno operato per l'intero weekend per aiutare i cittadini colpiti da allagamenti e frane. Danni all'agricoltura, in alcuni casi perso il 50% del raccolto 

Pubblicato il - 08 giugno 2020 - 17:14

VERONA. Una furia del vento e dell'acqua devastante, sono moltissimi i danni causati dal maltempo che si è abbattuto nell'ultimo weekend nelle campagne venete e che ha portato non solo devastazione nell'agricoltura ma anche allagamenti in case, negozi, alberi abbattuti e tanta altra distruzione.

 

 

Nel veronese, i vigili del fuoco hanno affrontato oltre 140 interventi di soccorso per le forti precipitazioni temporalesche che hanno interessato la provincia. Alcuni sottopassi sono rimasti allagati e l'intervento immediato dei soccorsi ha permesso di trarre in salvo anche gli occupanti di tre auto, rimasti bloccati in un sottopasso allagato.

 

Un'ottantina di interventi ci sono stati anche a Treviso per il maltempo. E' stata registrata una frana a Fregona e numerose zone sono rimaste colpite con allagamenti, piante ed elementi di edifici pericolanti.

A pagare il prezzo più pesante è stata l'agricoltura. Il maltempo, in questo weekend, ha portato una violenta grandinata con chicchi grandi come noci e che si è abbattuta in diverse zone del Veneto a partire da Verona ma anche a Padova. Sono andate distrutte varie coltivazioni e i danni più grossi sarebbero quelli al mais che era in fase di maturazione.

La conta dei danni in questi giorni interessa i vigneti, campi di mais, soia, orzo, piante da frutto e ortaggi nelle province di Belluno, Treviso, Padova e limitatamente nel vicentino fino a Verona nella zona della Valpolicella. Le prime rilevazioni parlano di perdite dai 20 al 50% in base alle aree più colpite. Il monitoraggio dei tecnici è costante e si riferisce anche la distruzione di serre, sradicando alberi, allagamenti dei campi, tetti scoperchiati e frane e smottamenti.

Un evento drammatico in una situazione già grave. Da inizio giugno, infatti, si stimano a milioni di euro i danni nelle campagne a causa del maltempo che ha distrutto raccolti, sventrato serre, sradicato alberi, allagato campi provocando frane e smottamenti. “Si tratta dell’ultima spallata del clima impazzito in una maledetta primavera che – secondo la Coldiretti – è iniziata con il gelo che ha compromesso le fioriture ed è proseguita con il caldo torrido e la siccità per andare a concludersi con le tempeste da nord al sud del Paese”.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.21 del 25 Settembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 settembre - 09:59

Anche ieri notte lo spettacolo tra vicolo San Marco e via Santa Maria era questo. Si stanno facendo i salti mortali per tenere aperte scuole e università e per garantire la presenza sui posti di lavoro ma serate come queste rischiano di vanificare tutto anche per quelli che rispettano le regole e in questa difficile epoca storica riescono a rinunciare alla birretta schiacciati tra altre decine di persone

27 settembre - 11:29
L'allerta è scattata intorno alle 2.30 tra sabato 26 e domenica 27 settembre nell'Alto Garda. Due ragazzi polacchi hanno intrapreso la via Claudia lungo le placche zebrate a Dro. In azione soccorso alpino e vigili del fuoco di zona
27 settembre - 10:57

Nelle ultime 24 ore sono stati analizzati 2.242 tamponi, 21 i test risultati positivi. Il totale complessivo è di 3.489 casi e 292 decessi da inizio emergenza coronavirus

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato