Contenuto sponsorizzato

(Foto e Video) Maltempo, l'agricoltura veneta devastata da grandine e allagamenti. Vigneti e campi di mais distrutti

Numerosi danni anche nelle città. I vigili del fuoco hanno operato per l'intero weekend per aiutare i cittadini colpiti da allagamenti e frane. Danni all'agricoltura, in alcuni casi perso il 50% del raccolto 

Pubblicato il - 08 giugno 2020 - 17:14

VERONA. Una furia del vento e dell'acqua devastante, sono moltissimi i danni causati dal maltempo che si è abbattuto nell'ultimo weekend nelle campagne venete e che ha portato non solo devastazione nell'agricoltura ma anche allagamenti in case, negozi, alberi abbattuti e tanta altra distruzione.

 

 

Nel veronese, i vigili del fuoco hanno affrontato oltre 140 interventi di soccorso per le forti precipitazioni temporalesche che hanno interessato la provincia. Alcuni sottopassi sono rimasti allagati e l'intervento immediato dei soccorsi ha permesso di trarre in salvo anche gli occupanti di tre auto, rimasti bloccati in un sottopasso allagato.

 

Un'ottantina di interventi ci sono stati anche a Treviso per il maltempo. E' stata registrata una frana a Fregona e numerose zone sono rimaste colpite con allagamenti, piante ed elementi di edifici pericolanti.

A pagare il prezzo più pesante è stata l'agricoltura. Il maltempo, in questo weekend, ha portato una violenta grandinata con chicchi grandi come noci e che si è abbattuta in diverse zone del Veneto a partire da Verona ma anche a Padova. Sono andate distrutte varie coltivazioni e i danni più grossi sarebbero quelli al mais che era in fase di maturazione.

La conta dei danni in questi giorni interessa i vigneti, campi di mais, soia, orzo, piante da frutto e ortaggi nelle province di Belluno, Treviso, Padova e limitatamente nel vicentino fino a Verona nella zona della Valpolicella. Le prime rilevazioni parlano di perdite dai 20 al 50% in base alle aree più colpite. Il monitoraggio dei tecnici è costante e si riferisce anche la distruzione di serre, sradicando alberi, allagamenti dei campi, tetti scoperchiati e frane e smottamenti.

Un evento drammatico in una situazione già grave. Da inizio giugno, infatti, si stimano a milioni di euro i danni nelle campagne a causa del maltempo che ha distrutto raccolti, sventrato serre, sradicato alberi, allagato campi provocando frane e smottamenti. “Si tratta dell’ultima spallata del clima impazzito in una maledetta primavera che – secondo la Coldiretti – è iniziata con il gelo che ha compromesso le fioriture ed è proseguita con il caldo torrido e la siccità per andare a concludersi con le tempeste da nord al sud del Paese”.

 

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 giugno 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
23 giugno - 21:07
Una barca si è rovesciata nel lago di Caldonazzo a causa del forte maltempo che si è abbattuto su ampie porzioni del Trentino. Due persone [...]
Cronaca
23 giugno - 19:56
Chi è abituato a percorrere il viadotto dei Crozi sa che sulla vecchia strada da sempre si formano delle cascate con l'arrivo del maltempo. Ora [...]
Cronaca
23 giugno - 21:22
I due escursionisti, con una comitiva di altre 6 persone, si trovavano a quota 3.100 metri sotto le roccette di Punta Penia quando è avvenuto il [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato