Contenuto sponsorizzato

Frane e smottamenti nel bellunese a causa del maltempo: ''Ci sono le risorse per intervenire subito e velocemente''

Il consigliere delegato ha chiesto ai sindaci una relazione dettagliata di danni e problematiche. E martedì prossimo porterà la questione in Consiglio: "Dobbiamo trovare una forma snella per mettere in moto in tempi rapidissimi le progettualità di intervento. Anche perché ritardare, in questi casi, significa aggravare la situazione"

Pubblicato il - 02 agosto 2020 - 17:28

BELLUNO. "Le risorse ci sono e stiamo preparando una modalità snella per aiutare i territori che hanno subito danni da maltempo la notte scorsa". Così Massimo Bortoluzzi, consigliere provinciale alla Difesa del suolo, che ha contattato i sindaci di Alleghe, Falcade, Livinallongo e Rocca Pietore, per fare il punto della situazione dopo i violenti nubifragi notturni.

 

"Ci sono stati segnalati diversi dissesti. Ad Alleghe - spiega il consigliere provinciale - risulta interrotta per frana una strada che serve un’abitazione. A Falcade le piogge hanno provocato danni alla pista ciclabile, che proprio nel cuore della stagione turistica è molto frequentata. E tra Livinallongo e Rocca Pietore si registrano ulteriori criticità. Per questo abbiamo pensato di trovare una soluzione con le risorse della Provincia. Questo a beneficio delle comunità di montagna, che ancora una volta pagano a duro prezzo la fragilità del territorio. E anche a servizio del turismo, che rappresenta un settore economico fondamentale per i Comuni colpiti dal maltempo".

Il consigliere delegato ha chiesto ai sindaci una relazione dettagliata di danni e problematiche. E martedì prossimo porterà la questione in Consiglio. "Dobbiamo trovare una forma snella per mettere in moto in tempi rapidissimi le progettualità di intervento. Anche perché ritardare, in questi casi, significa aggravare la situazione", conclude Bortoluzzi.

 

Sono stati diversi gli interventi dei vigili del fuoco in queste ore a causa delle intense perturbazioni che sono transitate nell'area. In particolare sono state colpite le aree del feltrino e dell'agordino, mentre nei giorni scorsi gravi criticità sono state registrate ad Auronzo di Cadore (Qui articolo).

 

Nell'area di Feltre le forti raffiche di vento e i fulmini hanno causato diversi disagi, mentre nell'agordino tante smottamenti (Qui articolo). Alcune auto sono rimaste bloccate per frane e colate detritiche a passo Fedaia e passo Prodoi (Qui articolo). Una crepa si è aperta inoltre sulla montagna che costeggia la strada delle Dolomiti (Qui articolo).

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

29 novembre - 17:22
Sono stati analizzati 3.695 tamponi, 265 i test risultati positivi. Il rapporto contagi/tamponi si attesta al 7,2%. Altri 12 decessi, il bilancio è di 236 morti in questa seconda ondata
29 novembre - 15:10

Dai primi fastidi alle settimane rinchiusa in casa. Ilaria, residente a Egna, racconta il suo viaggio nella lotta contro il Covid. Tra i più grandi ostacoli spiccano quelli mentali: "Mi sentivo psicologicamente demoralizzata perché credetemi, questa bestia prende tutto, pure la mente. Spero che la mia storia sia di aiuto a chi si trova nella mia stessa situazione"

29 novembre - 17:00

Una persona estratta dalla lamiere dell’auto con le pinze idrauliche. Il ferito trasportato in codice rosso all’ospedale. Sul posto sanitari vigili del fuoco e forze dell’ordine

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato