Contenuto sponsorizzato

Fugatti sceglie Mario Malossini per il consiglio d'amministrazione dell'aeroporto Catullo

La scelta è caduta sull'ex presidente della provincia per la sua importante conoscenza nel mondo del turismo fondamentale per rilanciare e rafforzare i rapporti con il Catullo 

Pubblicato il - 18 giugno 2020 - 09:52

TRENTO. Mario Malossini è stato indicato dal presidente Maurizio Fugatti nel consiglio di amministrazione dell'aeroporto Catullo di Verona.

 

Non certo nuovo per il mondo politico trentino, già presidente della giunta provinciale dal 1989 al 1992 e dal 2009 è stato presidente della Commissione paritetica per le norme di attuazione dello Statuto di Autonomia. Negli anni '80 è stato anche assessore provinciale al turismo e al commercio. Nel 2003, eletto in consiglio provinciale nella lista di Forza Italia, è risultato con 13.750 preferenze, il consigliere più votato di tutti gli schieramenti.

 

Quella nel consiglio di amministrazione del Catullo è una nomina, è stato spiegato, che deriva dall'importante esperienza che Malossini ha nel campo del turismo da molti anni, elemento questo strategico per valorizzare fino in fondo i rapporti con l'aeroporto.

 

Oggi nella società di Verona per il Trentino è presente Franco Sebastiani e Mario Malossini dovrebbe essere nominato al suo posto. Una scelta, questa, che rientra in un piano di sviluppo e rilancio dei rapporti con l'importante infrastruttura strategica anche per il nostro territorio.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.21 del 25 Settembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 settembre - 20:21

La diffusione del virus Comune per Comune: a Rovereto 11 casi, 8 a Trento. La Provincia di Trento maglia nera fra i territori italiani per quanto riguarda l’incidenza. Ecco la mappa dei contagi sul territorio

27 settembre - 18:22

Davide Bassi, ex rettore dell'Università di Trento, di fronte alla crescita dei contagi in Regione nelle ultime settimane, si è interrogato sulle modalità di somministrazione dei tamponi. Farne tanti è infatti sempre una garanzia di una più efficace strategia di contenimento del virus? La risposta è scettica e fa riflettere sul modo con cui la Giunta Fugatti ha comunicato in questi mesi di emergenza. "Non serve farne tanti ma alle persone giuste"

27 settembre - 19:55

Continuano a crescere in Alto Adige i casi di strutture scolastiche e per l'infanzia costrette a chiudere per l'insorgenza di contagiati tra gli alunni. Dopo i due nuovi positivi riscontrati in due istituti superiori di Bressanone e la chiusura per 2 settimane del Gandhi di Merano, anche l'asilo Moos di Sesto dovrà chiudere i battenti per la sanificazione. 13 i bambini in isolamento, assieme al personale della materna

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato