Contenuto sponsorizzato

Ha un lieve malore ma a fianco a lui c'è un cardiologo che capisce che sta avendo un infarto. Salvato sulle piste durante una gara di sci

L'uomo, un settantenne triestino, stava affrontando la Serprentina di San Vito di Cadore che ospitava una gara organizzata dal Rotary nell'ambito di un meeting sulla neve

Pubblicato il - 19 January 2020 - 14:19

SAN VITO DI CADORE. Nel Rotary, si sa, ci sono tante personalità, di diversa estrazione sociale e soprattutto che ricoprono ambiti lavorativi differenti. Ma, fortunatamente, al Primo meeting sulla neve del Rotary triveneto non mancava lo specialista cardiologo di fama Roberto Manfrini che non appena ha visto quanto stava accadendo a un rotariano partecipante alla competizione sciistica, è prontamente intervenuto salvandogli la vita. I fatti si sono svolti sabato mattina sulla pista rossa Serprentina di San Vito di Cadore. 

 

Il meeting dei club del Triveneto (organizzato per l'occasione dal Rotary club Trieste con il club Cadore Cortina) dell'associazione internazionale che mette le competenze dei suoi iscritti al servizio della collettività, era strutturato su una tre giorni di incontri ed eventi e prevedeva, per i più temerari e capaci, una piccola gara sciistica a partire dalle 10 di sabato mattina. Durante la ''seconda manche'' però un uomo, un triestino 70enne, Francesco Slocovic, presidente della Fondazione Casali e già console onorario della Norvegia a Trieste, ha accusato un lieve malore. Fortunatamente vicino a lui si trovava il cardiologo Manfrini il quale ha subito, sul nascere, individuato i sintomi tipici di un attacco cardiaco e ha, così, mobilitato i soccorsi.

 

L'uomo, assistito dal medico nel migliore dei modi, è stato subito portato alla base dell'impianto dove si trovava un'ambulanza e, dopo aver fatto un elettrocardiogramma, è stato chiaro che stava avendo un infarto. Sul posto è stato, quindi, chiamato l'elicottero del Suem che ha portato in pochi attimi l'uomo all'ospedale di Belluno. Qui è stato immediatamente ricoverato e alla fine non ha registrato gravi conseguenze. La fortuna di avere vicino a sé una persona tanto esperta ha scongiurato danni, certamente, molto più gravi. 

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 10 aprile 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
12 aprile - 12:21
Nel corso dell'emergenza Covid le persone hanno dovuto rispettare il periodo di isolamento a causa del contagio o del contatto di una persona [...]
Cronaca
12 aprile - 13:24
Zaia torna a chiedere al premier Draghi di acquistare nuovi vaccini in autonomia. Sulle riaperture  spiega " Io sono convinto [...]
Società
12 aprile - 12:14
Nonostante l'incertezza che aleggia su un'ipotetica apertura scuole a luglio, l'associazione Sportivando guarda all'estate e ora è alla ricerca [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato