Contenuto sponsorizzato

Il coronavirus si è portato via l'imprenditore Paolo Betta. Si è spento a 79 anni agli Spedali Civili di Brescia

Entrato a lavorare nella ditta, Betta aveva preso la responsabilità della sede di Brescia e nel frattempo formò una famiglia con la moglie Gianna e la figlia Gisella. Dopo aver lasciato l'azienda di famiglia è diventato rappresentante di commercio fino alla pensione. Nonostante ormai la sua vita si svolgesse in Lombardia per ragioni di lavoro e familiari, non ha mai dimenticato Riva del Garda anche per gli affetti con il fratello e la sorella

Pubblicato il - 22 marzo 2020 - 16:32

RIVA DEL GARDA. Si è spento Paolo Betta, l'imprenditore originario di Riva del Garda ma da anni attivo nel bresciano è tra le vittime del coronavirus. E' stato contagiato dal Covid-19 a Brescia, tra le aree più colpite dall'emergenza, e venerdì scorso è morto a 79 anni agli Spedali Civili

 

L'imprenditore viveva nella città lombarda da quando si era trasferito per seguire l'azienda familiare di autotrasporti fondata dal padre Augusto, martire del 28 giugno 1944.

 

Entrato a lavorare nella ditta, Betta aveva preso la responsabilità della sede di Brescia e nel frattempo formò una famiglia con la moglie Gianna e la figlia Gisella

 

Dopo aver lasciato l'azienda di famiglia è diventato rappresentante di commercio fino alla pensione. Nonostante ormai la sua vita si svolgesse in Lombardia per ragioni di lavoro e familiari, non ha mai dimenticato Riva del Garda anche per gli affetti con il fratello e la sorella. 

 

Risultato positivo al coronavirus, si è spento venerdì scorso. E' grande il cordoglio nella Busa per la scomparsa dell'imprenditore.  

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 28 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

29 ottobre - 19:15

Continuano a salire i contagi e i ricoveri tra le persone che hanno oltre i 70 anni. L'allarme arriva dai dati e dalle analisi fatte dall'azienda sanitaria trentina che mostrano un picco di contagi proprio nei prossimi giorni. Ferro: "Dei 686 morti avuti ne abbiamo più di 600 che sono collegati ad età superiori a 70 anni"

29 ottobre - 18:14

Sono stati analizzati 3.132 tamponi, 173 i test risultati positivi e il rapporto contagi/tamponi si attesta al 5,5%. In totale ci sono 118 pazienti in ospedale. Tra i nuovi positivi, 59 hanno più di 70 anni

29 ottobre - 18:45

Mentre in Alto Adige Kompatscher si è adeguato alle norme nazionali mettendo in sicurezza i suoi ristoratori ed esercenti per quanto riguarda l'accesso ai contributi (dopo aver preso atto che con meno clienti in circolazione non conveniva restare aperti con i rischi sanitari che ci sono) il Trentino continua con lo scontro con Roma: ''Alle 18.10 noi ancora non abbiamo visto nessuna atto ufficiale di impugnazione''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato