Contenuto sponsorizzato

Il figlio scivola in un pozzo, il padre prova a aiutarlo ma resta a sua volta bloccato. Tensione in Alto Adige, delicata operazione dei soccorsi

L'allerta è scattata intorno alle 15.30 di oggi a Terlano quando un bambino è scivolato e quindi è finito in una cavità. Anche il padre, nel tentativo di aiutare il bambino, è rimasto bloccato nel pozzo. In azione la macchina dei soccorsi

Pubblicato il - 26 December 2020 - 19:22

TERLANO. Momenti di grandissima tensione e paura in Alto Adige. Padre e figlio rimasti bloccati in un pozzo sono stati salvati dai vigili del fuoco.

 

L'allerta è scattata intorno alle 15.30 di oggi, sabato 26 dicembre, a Terlano quando un bambino è scivolato e quindi è finito in una cavità.

 

Il padre si è subito precipitato per aiutare il figlio, ma è rimasto a sua volta bloccato all'interno del pozzo.


Immediato l'allarme e sul posto si sono portati immediatamente i soccorsi, ambulanza della croce bianca, vigili del fuoco di Terlano e forze dell'ordine.

 

L'area è stata isolata e messa in sicurezza, quindi i pompieri hanno avviato le difficili operazioni di salvataggio.

 

I soccorritori si sono calati all'interno della cavità e sono riusciti a portare in salvo padre e figlio. Fortunatamente sono illesi.

 

Le indagini per ricostruire l'esatta dinamica sono affidate alle forze dell'ordine.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 January - 11:04

L’uomo non è l’unico essere vivente a intrecciare relazioni con le altre specie, per esempio corvi e lupi possono collaborare fra loro con gli uccelli che indicano ai carnivori la presenza di prede o carcasse. Ma non solo perché alcuni corvi sono stati visti giocare con i cuccioli del branco

20 January - 16:21

L'ingresso di Fratelli d'Italia sulla scena politica trentina e regionale aveva fin da subito creato alcuni malumori nelle forze di maggioranza, soprattutto in quota Svp. L'ormai ex assessore aveva spiegato di essere pronto al passo indietro per non creare attriti in maggioranza. Oggi è stata formalizzata la decisione: "Non ho mai creduto alla 'carriera politica', ho sempre creduto alla libertà di fare politica"

20 January - 15:20

Il sindaco di Trento interviene per fare chiarezza sulla destinazione dei fondi raccolti e sul futuro del gregge: “Capiamo la delusione di chi avrebbe voluto tenere insieme, in Valle dei Mocheni, le capre di Agitu, ma la soluzione temporanea che è stata trovata mira proprio a tutelare gli animali. Stiamo elaborando un progetto capace di tener viva la memoria di Agitu e di farsi interprete del suo amore per gli animali e per il territorio”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato