Contenuto sponsorizzato

IL VIDEO. Coronavirus, croci di plastica per oltre 60 fosse: è il ''Campo87'' dove vengono sepolte le vittime non reclamate dai parenti

Si trova al Cimitero Maggiore di Milano, il ''Campo 87'', ed è dedicato alle sepolture di coloro che hanno perso la vita per il coronavirus e senza un parente che ne reclamasse le spoglie

Pubblicato il - 23 aprile 2020 - 15:34

MILANO. Si trova al Cimitero Maggiore di Milano e si chiama ''Campo 87''. Qui è stata allestita una struttura per le sepolture di coloro che hanno perso la vita per il Covid-19. Al posto delle lapidi, ci sono croci di plastica e sono per quelle persone che sono morte sole senza nessuno che potesse occuparsi di loro e senza nessuno che ne reclamasse i resti. Il Comune ha allestito questo campo specificando che non si tratta assolutamente di ''fosse comuni'' come riportato da qualche organo di stampa. Ognuno ha una croce con nome e cognome ed è sepolto singolarmente, nel rispetto del defunto. La struttura ospita 61 morti, al momento, ma potrebbe arrivare fino a 600. (Video Local Team)

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 29 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

30 ottobre - 16:08

Sono circa una cinquantina i depuratori sul territorio altoatesino e la Provincia ha scelto 9 impianti per questo monitoraggio tra dimensione, punto geografico e tipo di utenza e il territorio è stato diviso in altrettante sezioni: Bolzano, Termeno, Pontives, Media Venosta, Bressanone, Wipptal, Tobl-Brunico e Wasserfeld. Un progetto con il coordinamento dell'Istituto superiore di sanità

30 ottobre - 16:39

Chi arriva in Germania dal nostro Paese, dovrà sottoporsi a tampone oppure a quarantena. L'Austria potenzierà i controlli, anche con le autorità sanitarie, ai valichi di confine con Italia e Slovenia

30 ottobre - 13:09

L'assessore Widmann: "In due settimane la situazione è completamente cambiata. Si deve considerare che per ogni positivo in media ci sono tra i 20 e i 30 contatti: 350 infezioni significa circa 10 mila contatti e diventa necessario variare strategia perché è impossibile rintracciare tutti". L'ordinanza valida da sabato 31 ottobre

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato