Contenuto sponsorizzato

La pandemia influenza anche il mercato immobiliare: calano i prezzi degli affitti e aumenta la domanda

L'agenzia immobiliare leader nel settore degli affitti in Italia apre una seconda filiale a Trento per gestire l'aumento delle richieste di contratti di locazione. Particolarmente apprezzati i monolocali in centro e i quadrilocali più in periferia

Di Mattia Sartori - 16 November 2020 - 16:04

TRENTO. Calano i canoni di locazione e aumenta la domanda di appartamenti in affitto nella Provincia di Trento. Questo quanto indicato da Solo Affitti, che nell'ultimo trimestre ha registrato una diminuzione media dei canoni di locazione del 4,7%. Una contrazione causata da un eccesso di offerta venutosi a creare a causa della mancanza di studenti e lavoratori fuori sede. Questo ha portato le persone a considerare l’affitto un’opzione migliore della compravendita in questi tempi incerti e l'agenzia si è trovata a dover gestire una mole di richieste del 28% superiore alla normalità. È stata quindi aperta una nuova sede in città: la Ama 3B in Via Piave e gestita da Andrea Bolognesi.

 

Bolognesi commenta: “Gli eventi degli ultimi mesi, e in particolare il lockdown della scorsa primavera, hanno mutato profondamente le richieste in fatto di abitazioni. Sono cambiate le esigenze, perché ora molte persone lavorano o studiano da casa ed hanno bisogno di organizzare un proprio angolo, ma non è da sottovalutare come sia evoluto anche il rapporto che abbiamo con la nostra casa. Se prima per molti era principalmente un luogo in cui dormire, mangiare e riposarsi, trascorrendo poi la maggior parte del tempo fuori, con lo scoppio della pandemia è diventato il posto in cui passiamo gran parte della nostra giornata e, durante la quarantena e in caso di future nuove chiusure totali, rappresenta, di fatto, tutto il nostro mondo. La casa deve essere il nostro porto sicuro, dobbiamo sentirci protetti e a nostro agio, per questo è necessario che risponda il più possibile alle nostre esigenze. Questo vale sempre, ma oggi ancora di più, per questo noi di Solo Affitti cerchiamo di dare un peso importante a tutti questi fattori emotivi”. 

 

Le scelte delle persone vertono dunque su appartamenti in grado di soddisfare necessità particolari, per questo sono orientati più che altro su strutture di piccola taglia oppure, all'altro estremo, su abitazioni molto grandi. I monolocali vengono scelti da single, studenti o lavoratori trasferitisi che preferiscono questo tipo di soluzione per evitare di dover convivere con dei coinquilini. I quadrilocali invece sono la tipica scelta delle famiglie, di chi ha bisogno di una stanza in più, uno spazio che allarghi il proprio mondo, aggiungendo la possibilità di lavorare o studiare senza doversi stringere tutti intorno al tavolo della cucina o il piacere di potersi dedicare qualche ora all’esterno su una terrazza spaziosa o in giardino. Ovviamente la ricerca di uno spazio maggiore ha anche portato gli affittuari di questo tipo di appartamenti ad allontanarsi dalle grandi città, in cerca dell’ambiente più tranquillo della periferia.

 

In linea con i prezzi del mercato locale, le soluzioni abitative proposte da Solo Affitti prevedono un canone di locazione che va dai 400 ai 500 euro per i monolocali arredati, a seconda della posizione, per i trilocali arredati si parte dai 640 fino agli 800 euro, mentre per i quadrilocali arredati la forbice va dai 690 ai 900 euro.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 27 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

28 January - 05:01

In una conferenza stampa a senso unico, come al solito, dove è impossibile interloquire e quindi riuscire a capire davvero qualcosa i due vertici dell'Apss hanno provato a spiegare la situazione alla luce dei dati completi mostrati da il Dolomiti in questo grafico dell'Apss. Tra le motivazioni dei troppi decessi il fatto che la popolazione trentina è particolarmente anziana. In valore assoluto, però, l'Alto Adige lo è ancora di più (il 15,6% della popolazione rispetto al 14,1% del Trentino di over 65) quindi quei 350 decessi in più non si spiegano

27 January - 20:46

Sono 236 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 35 pazienti sono in terapia intensiva e 43 in alta intensità. Oggi comunicati 2 decessi. Sono 20 i Comuni con almeno 1 nuova positività

27 January - 21:02

Il deputato della Lega ha incassato l'interessamento dell'associazione Millions of friend in Romania a valutare la possibilità di ospitare un orso attualmente rinchiuso al Casteller. Maturi: "Ora bisognerà comprendere le eventuali incombenze burocratiche e perfezionare eventuali accordi, ma possiamo serenamente affermare che da oggi c'è un cambio di passo"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato