Contenuto sponsorizzato

La sua casa brucia ma il piccolo Yuri salva la divisa da allievo vigile del fuoco. La Federazione: ''L'attaccamento al Corpo ha prevalso in questo giovane cuore''

L'incendio è avvenuto sabato sera a Ville di Giovo e ha coinvolto più di un'abitazione. Le famiglie che vi abitavano sono state evacuate e il 13enne nella concitazione del momento ha pensato a salvare la divisa ottenuta poche ore prima: ''Ha dato una lezione di vita ha sottolineato quanto l’appartenenza al corpo, il sentirsi parte di una comunità viva sia più importante di qualsiasi ricchezza materiale''

Di Luca Pianesi - 24 December 2020 - 17:47

VILLE DI GIOVO. ''Una delle famiglie evacuate per l’incendio conta al suo interno ben due allievi vigili del fuoco, il più piccolo dei quali, di fronte alla devastazione dell'incendio non ha pensato ai suoi giochi, bensì alla divisa nuova, che aveva ricevuto poche ore prima. La passione genuina, l’attaccamento al Corpo ha prevalso in questo piccolo cuore, che di fronte alla distruzione ha dato a tutti noi una lezione di vita, ha sottolineato quanto l’appartenenza al corpo, il sentirsi parte di una comunità viva sia più importante di qualsiasi ricchezza materiale''. Questo il messaggio scritto dalla Federazione dei corpi vigili del fuoco volontari Provincia di Trento all'indomani del devastante incendio che è scoppiato nella notte di sabato 19 dicembre a Ville di Giovo.

 

Le fiamme si sono diffuse rapidissime dal tetto di un'abitazione di via Lavat andando a causare gravissimi danni alla struttura e coinvolgendo anche gli edifici adiacenti. Immediato è stato l'intervento dei vigili del fuoco anche perché all'interno delle case si trovavano quattro famiglie che sono state evacuate. Per fortuna non ci sono stati feriti però la paura è stata enorme e anche i danni riportati dagli edifici sono stati ingenti. Un ragazzo di una di queste famiglie che si è vista in poche ore sconvolgere la vita da un fatto tanto drammatico, per di più a pochi giorni da Natale, nel momento del panico ha compiuto una scelta che non è passata inosservata: Yuri, 13 anni, tra le cento cose che poteva ''salvare'' nella concitazione del momento ha deciso di portare via la sua divisa da vigile del fuoco.

 

 

Il giovane, infatti, è un allievo dei vigili del fuoco e invece che portare via giocattoli o altro ha deciso di non rinunciare alla sua divisa nuova che gli era stata consegnata poche ore prima. Un motivo di orgoglio e di grande soddisfazione per il giovane quello di appartenere a un tale glorioso istituto e così non c'ha pensato due volte e fuori dalla casa, il cui tetto stava andando completamente bruciato dalle fiamme, ha deciso di portare quel vestito tanto importante.

 

''La passione genuina - conclude la Federazione - l’attaccamento al Corpo ha prevalso in questo piccolo cuore, che di fronte alla distruzione ha dato a tutti noi una lezione di vita, ha sottolineato quanto l’appartenenza al Corpo, il sentirsi parte di una comunità viva sia più importante di qualsiasi ricchezza materiale. Di rimando tutta la comunità ha fatto a gara per aiutare queste famiglie, che al termine di un anno già difficile a causa della pandemia si sono trovate senza casa a ridosso delle festività natalizie''. Fortunatamente in quel furioso incendio non ci sono state vittime o feriti e la comunità si è stretta attorno ai loro concittadini rimasti senza una casa trovando ospitalità da amici e familiari. Quel che è certo è che ci sarà ancora bisogno di tanto sostegno per queste persone e che Yuri, con quella divisa, è già pronto a mettersi a disposizione del prossimo per aiutare ancor prima di essere aiutato.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 27 settembre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
28 settembre - 06:01
Il rifugio Filzi sul Finonchio ha chiuso la scorsa settimana la stagione estiva ed ora proseguirà, tempo permettendo, le aperture nei weekend. I [...]
Cronaca
27 settembre - 20:14
Il sindaco di Castello-Molina di Fiemme dopo gli ultimi casi: "Non saprei dire se questa diffusione del coronavirus possa essere attribuito [...]
Cronaca
27 settembre - 21:23
Dopo una malattia si è spenta Nerina Biasiol. Addio alla cuoca che a Malgolo, frazione del Comune di Romeno, ha fondato una delle [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato