Contenuto sponsorizzato

L’auto invade l’altra corsia e si scontra con la moto: morto il 28enne Luca Belgrado

L’allarme è scattato nella notte, l’impatto fra la moto e l’automobile è stato violentissimo. Luca Belgrado è morto sul colpo, troppo gravi le ferite riportate, inutili anche i tentativi di rianimarlo

Di T.G. - 30 novembre 2020 - 12:39

VILLAFRANCA (VR). Il tragico incidente è avvenuto intorno alle 20e30 della scorsa domenica, 30 novembre, quando si è verificato un terribile scontro frontale fra un’automobile e una moto. Ad avere la peggio il giovane centauro sbalzato per diversi metri sull’asfalto.

 

Sul posto sono immediatamente intervenuti i soccorsi ma per Luca Belgrado, giovane motociclista di soli 28 anni, non c’era più nulla da fare: troppo gravi le ferite riportate, inutili anche i tentativi di rianimarlo.

 

Lo scontro è avvenuto in via Piave nel Comune di Villafranca in Provincia di Verona, all’altezza del distributore di carburante, secondo quanto ricostruito dai carabinieri l’auto, una Ford Focus, stava uscendo dall’area di servizio per dirigersi verso Mozzecane quando ha invaso la corsia su cui viaggiava il 28enne a bordo di una moto Honda.

 

A quel punto l’impatto è stato inevitabile, Belgrado è morto sul colpo. Per tutta la notte i militari hanno effettuato i rilievi del caso utili a ricostruire l’esatta dinamica dell’accaduto e per attribuire le eventuali responsabilità. I mezzi sono stati posti sotto sequestro, mentre la salma è stata traslata all’ospedale di Villafranca.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

18 gennaio - 17:45

Nelle ultime 24 ore analizzati 708 tamponi. Sono stati comunicati altri 14 decessi a causa di Covid-19. Trovati 56 positivi tra tamponi molecolari e test antigenici, confermate 57 positività riscontrate nei giorni scorsi. Sono 107 le guarigioni

18 gennaio - 17:04

E' successo nel vicentino, i medici del Suem, accorsi con un’ambulanza, hanno provato a rianimare il giovane ma alla fine, purtroppo, si sono dovuti arrendere

18 gennaio - 13:19

Cristina Corcho è una dei tanti volontari che in questi giorni aiutano i rifugiati o i migranti rimasti bloccati nel gelido inverno bosniaco. Con l'associazione spagnola No Name Kitchen distribuisce cibo e vestiti ai tanti che rimangono fuori dai campi profughi, riparandosi in tende improvvisate, casupole e fabbriche dismesse. "In molti attendono condizioni migliori. Chi si imbatte nella polizia croata viene malmenato e privato dei vestiti"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato