Contenuto sponsorizzato

Malfunzionamento di un macchinario e le fiamme, scattano i sistemi anti-incendio. Diversi corpi dei vigili del fuoco in azione

L'allerta è scattata intorno alle 20.30 quando i sensori dell'edificio di recente rinnovamento hanno fatto partire la segnalazione al Numero unico per le emergenze. Immediato l'allarme e sul posto si sono portati i soccorsi, i vigili del fuoco di Fiavé, il corpo di Tione e quello di Lomaso, oltre alla polizia locale delle Giudicarie

Pubblicato il - 25 gennaio 2020 - 21:05

FIAVE'. Sono scattati i sistemi anti-incendio a Fiavè, le fiamme si sono sviluppate all'interno dello stabilimento Erika Eis in via Degasperi.

 

L'allerta è scattata intorno alle 20.30 quando i sensori dell'edificio di recente rinnovamento hanno fatto partire la segnalazione al Numero unico per le emergenze. 

 

Immediato l'allarme e sul posto si sono portati i soccorsi, i vigili del fuoco di Fiavé, il corpo di Tione e quello di Lomaso, oltre alla polizia locale delle Giudicarie.

 

L'incendio sarebbe partito per un malfunzionamento di un macchinario, le fiamme sono subito divampate e si è levata una densa colonna di fumo.

 

L'entrata in funzione del sistema anti-incendio e il tempestivo arrivo dei pompieri avrebbero già permesso di circoscrivere rapidamente il fronte del fuoco, mettere la situazione sotto controllo e limitare i danni all'immobile, che riguardano soprattutto quelli causati dal fumo.

 

In quel momento non ci sarebbero stati lavoratori all'interno dello stabilimento, quindi non si registrerebbero fortunatamente feriti o intossicati. 

 

Sono diverse le unità dei vigili del fuoco in azione per le operazioni di spegnimento, la bonifica del materiale avvolto dalle fiamme e stabilire esattamente le cause che hanno portato all'incendio. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 29 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

30 ottobre - 04:01

Una seconda ondata del coronavirus che sembra aver preso la direzione di un andamento più ''standardizzato'' per la diffusione di un'epidemia che solitamente si propaga e dovrebbe avere tassi maggiori nelle zone più popolate. E infatti Trento, questa volta sta facendo registrare dei dati molto alti di contagio. In ottobre triplicati i casi di settembre: quasi 10 mila positività da inizio epidemia

29 ottobre - 20:14

Ci sono 118 persone nelle strutture ospedaliere di Trento e Rovereto, 9 pazienti si trovano nel reparto di terapia intensiva e 8 in alta intensità. Nelle ultime 24 ore sono stati trovati 173 positivi a fronte dell'analisi di 3.132 tamponi molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 5,5%

29 ottobre - 20:14

L'appello dell'Azienda provinciale per i servizi sanitari: "Bisogna cambiare la strategia di sanità pubblica, chiunque presenti una sindrome influenzale si metta in isolamento fino ai risultati dei test"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato