Contenuto sponsorizzato

Minacciava e offendeva la vicina di casa e le tre figlie infrangendo l'ordine restrittivo. A distanza di due anni torna in carcere per atti persecutori

Nel 2018 l'uomo era già finito in carcere per atti persecutori nei confronti delle stesse vittime. In quest'ultima occasione, la madre e le tre figlie erano talmente spaventate da aver smesso di andare in giardino ed erano costrette a uscire dall’abitazione con estrema cautela

Pubblicato il - 13 November 2020 - 14:56

BORGO VALSUGANA.  Nel pomeriggio di ieri, giovedì 12 novembre, un 60enne di Borgo Valsugana è stato messo in carcere con ordine di custodia cautelare per atti persecutori. L'uomo era già finito in carcere per il medesimo reato nel 2018, sempre in danno delle stesse vittime.

 

Il colpevole negli ultimi mesi aveva più volte infastidito, minacciato e offeso con volgari epiteti la vicina di casa con le tre figlie. Gli accertamenti delle forze dell'ordine della Stazione di Castelivano hanno consentito di cristallizzare le sue responsabilità, e di raccogliere prove evidenti sulle condotte dell’uomo, altamente impattanti per la vita delle vittime.

 

I comportamenti erano il più delle volte aggravati dall’abuso di alcool, che si abbinava puntualmente alla violazione della misura cautelare del divieto di avvicinamento alle donne, disposta a ottobre 2018, con la precedente condanna.

 

Il contegno dello stalker aveva aggravato nelle vittime quello stato d’ansia e di preoccupazione per la propria incolumità, che già due anni or sono aveva portato ad un primo intervento della magistratura, accentuando la costrizione a modificare le loro abitudini, tanto che evitavano di usare il proprio giardino ed erano costrette a uscire dall’abitazione con estrema cautela, usando diversivi, pur di schivare gli incontri con lo stalker.

 

È la seconda volta in pochi mesi che i Carabinieri della Valsugana intervengono in aiuto delle donne infastidite da pesanti minacce o ingerenze nella propria vita.

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Politica
27 novembre - 10:12
Il consigliere provinciale e capogruppo di Fratelli d'Italia, Claudio Cia: "Non ci sono colpe del dg il quale si esprime in buona fede e perché, [...]
Montagna
27 novembre - 09:03
I tre, dicono i soccorritori intervenuti nella zona di Livinallongo del Col di Lana (Belluno), erano rimasti bloccati dal buio durante il rientro [...]
Cronaca
27 novembre - 08:48
Marco Delaini era conosciuto in tutto il lago di Garda, il 48enne era il titolare della Trattoria Fornico di Gargnano. I famigliari hanno lanciato [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato