Contenuto sponsorizzato

Non arriva la pensione e chiama in banca dove rispondono: ''Ma lei è morto''. Un errore l'ha fatto passare a miglior vita

Un caso di omonimia e il codice fiscale del pensionato vivo è finito nell’atto di morte emesso dall’ospedale. Così, come impongono le procedure, l’Inps ha bloccato la pensione in tempo reale

Pubblicato il - 24 gennaio 2020 - 13:28

PONTE NELLE ALPI. Non è arrivata la pensione e quando ha chiamato la banca per capire le ragioni, la risposta è stata tranciante: "Lei è morto". Questo quanto si è sentito dire un bellunese di Ponte nelle Alpi. Un errore burocratico dovuto a una questione di omonimia e Gaetano Costantini è finito in un certificato di morte

 

Effettivamente nella zona di Pian di Vedoia c’erano tre Gaetano Costantini: il primo è morto un paio di anni fa, il secondo del '34 si è spento il 21 dicembre scorso. E proprio quel giorno si è verificato l’errore nei certificati: il codice fiscale del Costantini vivo, un pensionato del 1947, è finito nell’atto di morte emesso dall’ospedale.

 

Così, come impongono le procedure, l’Inps ha bloccato la pensione in tempo reale. L'8 gennaio scorso Costantini si è recato al bancomat per effettuare un prelievo ma l'operazione è stata bloccata. Tornato a casa ha acceso il computer e ha scoperto che la pensione non era arrivata, quindi ha chiamato la banca e così ha scoperto di essere morto.

 

Un errore burocratico poi risolto tra gli uffici del Comune di Ponte nelle Alpi e l'Inps. Tutto è stato nuovamente sbloccato e ora Costantini, quello vivo, può aspettare il versamento della pensione.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 17 febbraio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

18 febbraio - 05:01

Negli scorsi giorni un incontro a Mestre dove un importante esponente austriaco dell'Fpo ha riproposto l'opera che collegherebbe la Laguna alle Dolomiti, all'Austria e alla Germania: 280 chilometri che piacciono a tanti anche in Veneto 

18 febbraio - 07:55

La Corte dei Conti ha citato a giudizio la dirigente comunale Clara Campestrini. Sui finanziamenti assegnati dal Comune di Trento all'Azienda per il turismo Trento, Monte Bondone e Valle dei Laghi ci sarebbe poca chiarezza 

17 febbraio - 19:45

I sindacati Cgil, Cisl e Uil intervengono dopo i primi dati che emergono a seguito dell'applicazione dei 10 anni di residenza quale criterio per accedere alle case Itea: -15% in termini di assegnazione e -20% nel sostegno degli affitti

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato