Contenuto sponsorizzato

Non si accorgono dell'ictus e una 22enne viene curata in psichiatria, la procura ha aperto un'indagine

La Procura di Trento ha aperto una fascicolo per lesioni colpose gravi. Solo le indagini consentiranno di capire cosa sia successo, la giovane è stata sottoposta a tac ma i sanitari non hanno riconosciuto l'ictus e i danni provocati 

Foto da internet
Pubblicato il - 10 novembre 2020 - 09:17

TRENTO. Sarà un'inchiesta, aperta dalla procura di Trento, a stabilire le eventuali colpe di quello che è accaduto a una ragazza di 22 anni che, a causa di un ictus, non visto dai sanitari, ha avuto gravi conseguenze.

 

L'indagine è condotta dai carabinieri del Nas l'ipotesi è quella di lesioni colpose gravi. Bisogna accertare se ci sia stato un errore dei medici che hanno seguito la ragazza oppure se la situazione della giovane era talmente complessa da renderla irriconoscibile.

 

Tutto è iniziato nell'agosto di quest'anno quando la ragazza si è sentita poco bene e i genitori hanno deciso di portarla all'ospedale di Cles. Qui è stata sottoposta ad una tac che però non avrebbe fatto vedere nulla di particolare ai medici.

 

Le condizioni della giovane però con le ore sono peggiorate e i sanitari hanno collegato questa situazione a problemi di tipo psichiatrico. E' stata quindi trasferita a Trento e seguita come paziente con problemi psichiatrici. Ad una seconda tac i radiologi non hanno trovato  ancora nulla e solo successivamente, a seguito di una risonanza magnetica, sono stati trovati i danni gravi provocati da un ictus.

 

Come già detto, sarà l'indagine a dover stabilire cosa sia successo e di chi siano, nel caso esistano, delle colpe. I carabinieri hanno già acquisito la cartella sanitaria della 22enne. Ci saranno degli approfondimenti che permetteranno di stabilire le responsabilità.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 27 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

28 January - 05:01

In una conferenza stampa a senso unico, come al solito, dove è impossibile interloquire e quindi riuscire a capire davvero qualcosa i due vertici dell'Apss hanno provato a spiegare la situazione alla luce dei dati completi mostrati da il Dolomiti in questo grafico dell'Apss. Tra le motivazioni dei troppi decessi il fatto che la popolazione trentina è particolarmente anziana. In valore assoluto, però, l'Alto Adige lo è ancora di più (il 15,6% della popolazione rispetto al 14,1% del Trentino di over 65) quindi quei 350 decessi in più non si spiegano

27 January - 22:12

In particolare nel mese di novembre il Trentino è stato travolto dal contagio, ma solo una parte parziale dei dati è stato comunicato ufficialmente. L'ex rettore Bassi: " Per due mesi ci hanno raccontato che 'gli ospedali si erano riempiti perché i trentini ultra settantenni erano un po' troppo scapestrati e invece di starsene a casa, andavano in giro e si contagiavano'. Una bugia, purtroppo una delle tante"

28 January - 08:24

Le ricerche fatte nell'Adige al momento non hanno portato ad alcuna novità. Intanto sono spuntati dei testimoni sul tentativo del figlio di recarsi in un autolavaggio per lavare l'auto ma è stato fermato dai carabinieri 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato