Contenuto sponsorizzato

Offrono sedute di fototerapia ma è una truffa fatta usando il nome dell'Azienda sanitaria, l'avviso ai cittadini: ''Denunciate''

L'Azienda sanitaria dell’Alto Adige non ha nulla a che fare con questo e intraprenderà le necessarie azioni legali

 

Pubblicato il - 14 August 2020 - 15:26

BOLZANO. Si presentano a nome dell'Azienda sanitaria per truffare le persone, perlopiù anziani. E' successo a in Alto Adige dove l'Azienda è stata più volte informata del fatto che alcuni cittadini sarebbero stati contattati telefonicamente da persone che affermavano di offrire delle sedute di fototerapia (“terapie della luce") a nome dell'Azienda sanitaria.

L'Azienda sanitaria dell’Alto Adige non ha nulla a che fare con questo e intraprenderà le necessarie azioni legali.

 

La procedura delle chiamate è sempre la stessa: i chiamanti si presentano e offrono la possibilità di eseguire una seduta di fototerapia, che verrebbe effettuata in occasione di una visita a domicilio. Le prime sedute verrebbero offerte gratuitamente. Le persone contattate sono per lo più anziane.

 

L'Azienda sanitaria dell’Alto Adige, viene spiegato in una nota, non ha dato nessun incarico ad eseguire tali telefonate e non offre mai e in nessun modo terapie per telefono.

 

I cittadini e le cittadine a cui, per telefono, dovesse essere offerta una seduta di fototerapia a nome dell'Azienda sanitaria dell’Alto Adige dovrebbero ignorare questa offerta ed eventualmente denunciare la telefonata alle Forze dell’Ordine.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 10 aprile 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
11 aprile - 18:45
Un gruppo di persone si è radunato per protestare contro i carabinieri. Il sindaco Claudio Soini: "Massima disponibilità alla mamma per [...]
Cronaca
11 aprile - 17:14
Sono stati analizzati 2.207 tamponi tra molecolari e antigenici. Oggi 31 casi tra over 60 e 11 contagi tra giovani e ragazzi in età scolare
Cronaca
11 aprile - 17:56
I quattro occupanti degli abitacoli, un 45enne, una 66enne, un 68enne e un 45enne, sono rimasti incastrati all'interno delle lamiere. I feriti [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato