Contenuto sponsorizzato

Padre e figlia vanno a sciare ma a bordo pista trovano alcune munizioni della prima guerra mondiale

E' successo sabato 8 febbraio a Folgaria, i protagonisti sono padre e figlia che si sono fermati a bordo pista lungo il tracciato Francolini per guardare il bosco e concedersi una pausa. Il sindaco Rech: "Nessun pericolo ma sempre bene avvisare le autorità"

Pubblicato il - 08 febbraio 2020 - 21:30

FOLGARIA. Sono andati a sciare e si sono imbattuti in alcune munizioni della prima guerra mondiale.

 

E' successo sabato 8 febbraio a Folgaria, i protagonisti sono padre e figlia che si sono fermati a bordo pista lungo il tracciato Francolini per guardare il bosco e concedersi una pausa. 

 

A quel punto però hanno notato tra i sassi un caricatore, quattro munizioni risalenti al conflitto.

 

L'avvocato Giuliano Valer ha così allertato i carabinieri che sono subito arrivati e hanno recuperato i residuati della prima guerra mondiale.

 

"Ogni tanto capita. Sono alcune munizioni in cattivo stato di conservazione e che non comportano alcun pericolo. Nei boschi della zona - commenta Michael Rech, sindaco di Folgaria - ci si può imbattere in residuati bellici ma non c'è allarme, si tratta praticamente sempre di materiale altamente deteriorato e quindi innocuo. Comunque è importante e fondamentale allertare le autorità per poter rimuovere tutto".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 ottobre - 20:30

Se le incertezze sono tante, tantissime, e il momento è delicato per l'emergenza Covid-19, le parole del presidente Maurizio Fugatti non aiutano a chiarire nulla o quasi. Non si capisce il senso di una conferenza stampa convocata in questo modo e di questo tenore per spiegare quanto succede in Trentino alla luce dell'ultimo Dpcm del premier Giuseppe Conte

25 ottobre - 20:07

Sono state poi registrate 12 positività tra bambini e ragazzi in età scolare e sono in corso le verifiche per procedere alla quarantena di altre classi, che attualmente riguarda 122 unità

25 ottobre - 19:16

La Provincia di Bolzano ha emesso una nuova ordinanza con valenza da lunedì 26 ottobre a martedì 24 novembre: bar e ristoranti potranno continuare a lavorare con gli orari attuali ma nuove restrizioni, mentre nelle scuole la didattica a distanza sarà portata solo nelle superiori al 50%. La misura più dura riguarda però il coprifuoco dalle 23 alle 5. In questo arco di tempo non ci si potrà muovere dal proprio domicilio se non muniti di autocertificazione

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato