Contenuto sponsorizzato

Passo Giau, baita divorata dalle fiamme nella notte: non si esclude il dolo

Impossibile purtroppo escludere il dolo: la baita era priva di collegamento elettrico e l’ultima volta che era stata utilizzata dai proprietari risale ad alcune settimane fa

Pubblicato il - 02 ottobre 2020 - 13:15

PASSO GIAU. Una baita in fiamme nella scorsa notte in prossimità del passo Giau, a oltre 2200 metri di quota, che collega la Val Boite e la Val Cordevole in provincia di Belluno nel territorio del comune di Colle Santa Lucia.

 

Ecco la scena che una persona di passaggio a bordo del proprio veicolo ha visto alle prime luci dell’alba. Il fumo scuro e densissimo che usciva da un tabià ha subito fatto scattare la chiamata ai vigili del fuoco, giunti sul posto con gli uomini del distaccamento di Agordo e con i volontari di Selva di Cadore.

 

L'intervento è terminato intorno alle 11 circa. La baita era priva di collegamento elettrico e i proprietari l’avevano utilizzato l’ultima volta alcune settimana fa.

Le cause del rogo sono al vaglio dei vigili del fuoco e dei carabinieri di Arabba, intervenuti a supporto. Impossibile purtroppo escludere il dolo: la baita, un tempo utilizzata come ricovero temporaneo dai pastori, era priva di collegamento elettrico. E l’ultima volta che era stata utilizzata dai proprietari risale ad alcune settimane fa.

 

I vigili del fuoco sono arrivati sul luogo intorno alle 7 di mattina, spegnendo del tutto gli ultimi focolai, ma era ormai troppo tardi, e della struttura rimaneva poco o niente.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

15 gennaio - 19:18

Nella conferenza stampa straordinaria organizzata dalla giunta provinciale di Bolzano, Arno Kompatscher si è detto sconcertato dalla scelta del Cts di trasformare l'Alto Adige in zona rossa. "Abbiamo inviato una lettera a Roma. Sulla base dei dati confermiamo con l'ordinanza di stasera la zona gialla"

15 gennaio - 19:30

Sono tantissime le prese di posizione (di partiti e istituzioni) in favore della testata ma colpiscono, in particolare, le dichiarazioni di Fugatti (che si dice ''sorpreso''), dei sindacati (che ancora parlano di ''investimento'' riferendosi all'operazione predatoria compiuta sull'editoria locale da parte di Athesia) e dell'Ordine dei Giornalisti (che esprime la sua ''solidarietà''). Ora si pensi ai giornalisti ma non si dimentichino i collaboratori esterni e i fotografi che da una vita lavorano per poche decine di euro al giorno mettendoci tutto quel che hanno

15 gennaio - 18:35

Il direttore sanitario dell'Apss, Antonio Ferro spiega: "Preoccupa il livello di occupazione dei posti letto negli ospedali". Il presidente della Provincia chiede ancora "senso di responsabilità" ai trentini 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato