Contenuto sponsorizzato

Perde il controllo del jet surf e sbatte la testa contro un'imbarcazione. Grave una 32enne

Una donna è stata elitrasportata all'ospedale di Verona dopo un violento scontro contro un'imbarcazione di fronte al lungolago di Peschiera del Garda. A bordo di un jet surf, una tavola azionata a motore, ha sbattuto la testa in un incidente le cui dinamiche sono al vaglio delle autorità

Pubblicato il - 09 settembre 2020 - 18:56

PESCHIERA DEL GARDA. Grave incidente nel pomeriggio di fronte al lungolago Garibaldi. Una donna si è scontrata con un'imbarcazione ormeggiata, sbattendo violentemente la testa. L'incidente è avvenuto attorno alle 17 di mercoledì 9 settembre. 

 

Immediato l'intervento dei soccorsi, con la donna, una 32enne italiana di origini rumene, elitrasportata all'ospedale di Borgo Trento a Verona. Sul posto anche gli agenti della squadra nautica della polizia di Stato, giunti per fare i rilievi sulle dinamiche dell'incidente, non ancora chiare del tutto.

 

Il jet surf consiste in una tavola lungo poco più di un metro che si guida grazie ad un joystick. Il mezzo è azionato da un motore elettrico e può arrivare fino alla velocità di 15/20 nodi.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 novembre - 17:43

Gli 8 decessi sono quasi tutti avvenuti in ospedale (7) e 1 in RSA; si tratta di 5 donne e 3 uomini; l’età media è di 85 anni

27 novembre - 18:03

Castello Tesino si prepara a tornare in zona gialla, per Fbk i residenti attualmente positivi sono solo 19, la Pat:“ben al di sotto della soglia del 3%”. Per le attività rimaste chiuse nei tre comuni trentini dichiarati zona rossa saranno previsti ‘ristori’ aggiuntivi a quelli richiesti a livello nazionale

27 novembre - 16:59

Secondo il monitoraggio svolto settimanalmente dal Ministero della Salute, tutte le regioni e province autonome italiane sarebbero al di sotto dell'1.5 di indice Rt. In attesa di capire le decisioni del governo, tutto il Paese sarebbe così "zona gialla". Ancora problematici i parametri dell'occupazione dei letti d'ospedale e del fattore rischio

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato