Contenuto sponsorizzato

Perde il controllo del mezzo e finisce in un torrente, paura per un agricoltore

Sul posto si sono portati i vigili del fuoco che sono riusciti a recuperare il mezzo. Fortunatamente nessuna ferita ma un grosso spavento per la persona alla guida

Pubblicato il - 14 maggio 2020 - 09:24

BOLZANO. Sono stati momenti di paura per un agricoltore che è rimasto vittima di un incidente. Fortunatamente non ha riportato alcuna ferita ma lo spavento è stato tanto.

Il fatto è avvenuto a Sarentino in Alto Adige. L'uomo si trovava in un campo ed era alla guida di un mezzo con tanto di cassone quando ad un certo punto, forse a causa della pendenza del terreno, dell'erba bagnata e di un attimo di disattenzione, ha perso il controllo dei veicolo finendo dentro un torrente e ribaltandosi.

 

La motrice si è piegata di lato sulle rocce del torrente. L'uomo è riuscito ad uscire incolume ma ha immediatamente chiesto l'aiuto dei vigili del fuoco che arrivasti sul posto sono riusciti a rimettere in 'strada' il mezzo.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 27 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

28 ottobre - 11:55

Tovaglie e stoviglie stese a terra per una manifestazione ordinata e silenziosa: “Vogliamo ribadire con chiarezza che il settore dei pubblici esercizi e della ristorazione sta soffrendo in modo pesantissimo le limitazioni imposte dalla normativa anti-covid”

28 ottobre - 11:41

Una recrudescenza dell'epidemia importante e il presidente Arno Kompatscher si è trovato a firmare diverse ordinanze per cercare di fronteggiare la diffusione di Covid-19, il governatore ha fatto anche un appello: "Ci troviamo di fronte alle settimane decisive per interrompere la catena dei contagi. E' fondamentale fermare la diffusione del virus per tutelare scuola e lavoro”

27 ottobre - 19:32

Sono tante le lettere e i messaggi diretti al presidente Fugatti di cittadini che non hanno capito perché in Trentino si stia perseverando con la didattica totalmente in presenza (addirittura alzando il numero di contagiati necessari per mettere le classi in quarantena alle elementari e alle medie). Ne pubblichiamo due: ''Anche noi preferiamo certamente la didattica in presenza, così come andare fuori a cena,  o andare in palestra; ma allora a maggior ragione ci vogliono tracciamenti rapidi e completi che paiono totalmente saltati''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato