Contenuto sponsorizzato

Perde il controllo dell'auto e si schianta violentemente contro la roccia, gravissimo un maestro di sci

Stava andando al lavoro sulle piste dell'Altopiano di Asiago quando ha perso il controllo del mezzo. Inizialmente portato all'ospedale di Asiago, le sue condizioni sono apparse subito disperate. E' stato quindi portato in rianimazione a Vicenza con un elicottero partito da Trento

Pubblicato il - 25 gennaio 2020 - 19:21

ASIAGO. Si stava dirigendo al lavoro, sulle piste da sci quando, per cause ancora da accertare, ha perso il controllo della macchina ed è andato a sbattere contro la roccia che si trovava a bordo strada.

 

La vittima del terribile schianto, trasportata in gravi condizioni all'ospedale di Vicenza, è un maestro di sci originario di Asiago ma residente nel Bassanese. L'uomo lavora sulle piste dell'Altopiano di Asiago dove si stava recando, questa mattina sabato 25 gennaio, prima dello schianto.

 

 

L'incidente è avvenuto sulla Strada Provinciale 72 "Fratellanza". Sul posto si sono subito recati i vigili del fuoco, la polizia locale di Asiago e i sanitari che hanno soccorso l'uomo. Nell'impatto la parte anteriore della Lancia Y è andato completamente distrutto. 

 


 

Inizialmente il ferito era stato portato nel vicino ospedale di Asiago ma, vista la gravità delle lesioni, si è deciso di trasferirlo in rianimazione a Vicenza con un elicottero decollato dall'ospedale di Trento.

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 17 febbraio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

18 febbraio - 19:06

Uno dei fattori limitanti di questa specie sono sostanzialmente le basse temperature invernali. Quest'anno però il clima è stato mite. Zanghellini: ''Negli ultimi anni l'aumento delle temperature ha anticipato il ciclo vitale di questo animale" 

18 febbraio - 15:17

E mentre la colonnina di mercurio è salita, un iceberg di 300 chilometri quadrati, paragonabile alle dimensioni di Malta, si è staccato dal ghiacciaio Pine Island. E mentre anche in Trentino si decide di investire milioni di euro su impianti anche sotto i 1.000 metri come a Bolbeno il noto climatologo spiega: ''La neve c'è oltre i 2 mila metri, mentre più in basso i paesaggi sono primaverili. Gli investimenti non dovrebbero più andare solo sullo sci''

18 febbraio - 17:27

A Trento alle 18 in piazza d'Arogno è stato organizzato un presidio promosso da Unione degli Universitari, Amnesty Trento e Arcigay del Trentino

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato