Contenuto sponsorizzato

Positivo al Covid, si vede negare l'ingresso sul treno e reagisce prendendo a calci e pugni gli agenti. In manette un 58enne

Un 58enne è stato arrestato dopo aver reagito con violenza all'intervento della polizia ferroviaria, accorsa perché, positivo al Covid-19, cercava lo stesso di prendere il treno per Verona. Il fatto è accaduto alla stazione di Venezia-Mestre. L'uomo dovrà rispondere dei reati di resistenza a pubblico ufficiale e di violazione delle norme sanitarie

Pubblicato il - 19 October 2020 - 18:13

VERONA. Di fronte al rifiuto da parte degli addetti del treno a farlo salire, il 58enne ha iniziato a dare in escandescenza, distribuendo tra le urla calci e pugni a destra e a manca. Arrivata sul posto, la polizia ferroviaria non ha potuto che arrestarlo con l'accusa di violenza e resistenza a pubblico ufficiale. Ma c'era di più: l'uomo, infatti, era stato segnalato come positivo al Covid-19.

 

Il fatto è accaduto alla stazione di Venezia-Mestre, nel fine settimana. Il 58enne, diretto a Verona, è stato rintracciato mentre cercava di raggiungere il capoluogo scaligero. Oltre alle accuse suddette, dovrà rispondere del reato di violazione delle norme sanitarie. 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
03 dicembre - 16:32
L'avvocato trentino Nicola Canestrini spiega perché la mancanza del reato di omicidio stradale nell'ordinamento tedesco "non è un problema" in [...]
Politica
03 dicembre - 11:10
Grande soddisfazione da parte degli animalisti per l'approvazione del disegno di legge presentato dal consigliere Cia per [...]
Politica
02 dicembre - 20:37
L'obiettivo è di promuovere il turismo e di incentivare i flussi nei luoghi montani e nei centri sciistici, garantendo la sicurezza delle [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato