Contenuto sponsorizzato

Ricaricano il telefono con 300 euro di schede rubate: cinque denunciati dai carabinieri

Con facilità i carabinieri sono riusciti a risalire ai 5 responsabili, visto che la ricarica telefonica lascia sempre traccia. Oltre queste era anche stato rubato del denaro contante e un cellulare

Pubblicato il - 27 luglio 2020 - 13:25

SLUDERNO. Denunciate 5 persone per possesso di ricariche telefoniche rubate. Lo scorso 12 gennaio, infatti, a Lasa era stato commesso un furto in un esercizio commerciale dove erano stati presi, oltre a denaro contante e un cellulare, anche trecento euro in ricariche telefoniche dei più comuni operatori.

 

Ma la ricarica telefonica lascia sempre traccia, e così i carabinieri di Sluderno hanno seguito le tracce e sono risaliti ai proprietari dei telefoni che hanno fatto la ricarica utilizzando le schede rubate.

 

E sono quindi giunti a identificare cinque soggetti che ora dovranno rispondere del reato di ricettazione per aver utilizzato le ricariche rubate.

 

Si tratta di un pregiudicato cinquantaduenne della provincia di Milano, una donna trentottenne di Milano, una ventottenne della provincia di Salerno, una trentatreenne di Cosenza e una ventinovenne di Pavia.

 

Ora i carabinieri di Sluderno stanno cercando di stringere il cerchio e risalire a chi ha venduto le schede ai cinque indagati, ovvero il primo ricettatore, per capire se è anche l’autore del furto.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.21 del 25 Settembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 settembre - 13:36

L'amministrazione informa inoltre che l’istituto scolastico ha adottato tutte le procedure previste e ha seguito le indicazioni del protocollo stabilite in accordo con l’Azienda sanitaria per garantire la tutela della salute degli studenti e del personale scolastico

27 settembre - 09:59

Anche ieri notte lo spettacolo tra vicolo San Marco e via Santa Maria era questo. Si stanno facendo i salti mortali per tenere aperte scuole e università e per garantire la presenza sui posti di lavoro ma serate come queste rischiano di vanificare tutto anche per quelli che rispettano le regole e in questa difficile epoca storica riescono a rinunciare alla birretta schiacciati tra altre decine di persone

27 settembre - 12:06

L'allerta è scattata intorno alle 8.30 di oggi alla Madonna della Scoperta di Lonato. A lanciare l'allarme i compagni della battuta di caccia. In azione ambulanza, elicottero e carabinieri

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato