Contenuto sponsorizzato

Risse e alcuni giovani arrestati per spaccio, la questura sospende la licenza di un bar di Bressanone

La disposizione è arrivata dopo una serie di controlli e un procedimento avviato dalla Divisione polizia amministrativa e sociale della Questura in raccordo con il commissariato di Bressanone

Pubblicato il - 09 ottobre 2020 - 12:58

BRESSANONE. Sospesa per 5 giorni la licenza del bar Byblo's a Bressanone. Questo il provvedimento del questore di Bolzano per il locale in via Mercato vecchio.

 

La disposizione è arrivata dopo una serie di controlli e un procedimento avviato dalla Divisione polizia amministrativa e sociale della Questura in raccordo con il commissariato di Bressanone. 

 

A seguito di numerosi controlli, le forze dell'ordine hanno messo in luce come il locale costituisse un luogo di ritrovo di persone con precedenti penali e di polizia inclini a eccessi comportamentali.

 

Le forze dell'ordine, riferisce la questura, sono intervenute anche per sedare risse e riportare un po' di normalità di alcune occasioni. 

 

Non solo, nei mesi scorsi alcuni giovani erano stati arrestati dopo le indagini condotte nei mesi scorsi dai carabinieri.

 

In quelle occasioni è emerso che il locale era diventato per questi ragazzi un punto di incontro per poi portare avanti l'attività di spaccio di sostanze stupefacenti.

 

Da qui la decisione della Questura a sospendere per 5 giorni la licenza del bar.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

15 gennaio - 19:18

Nella conferenza stampa straordinaria organizzata dalla giunta provinciale di Bolzano, Arno Kompatscher si è detto sconcertato dalla scelta del Cts di trasformare l'Alto Adige in zona rossa. "Abbiamo inviato una lettera a Roma. Sulla base dei dati confermiamo con l'ordinanza di stasera la zona gialla"

15 gennaio - 19:30

Sono tantissime le prese di posizione (di partiti e istituzioni) in favore della testata ma colpiscono, in particolare, le dichiarazioni di Fugatti (che si dice ''sorpreso''), dei sindacati (che ancora parlano di ''investimento'' riferendosi all'operazione predatoria compiuta sull'editoria locale da parte di Athesia) e dell'Ordine dei Giornalisti (che esprime la sua ''solidarietà''). Ora si pensi ai giornalisti ma non si dimentichino i collaboratori esterni e i fotografi che da una vita lavorano per poche decine di euro al giorno mettendoci tutto quel che hanno

15 gennaio - 18:35

Il direttore sanitario dell'Apss, Antonio Ferro spiega: "Preoccupa il livello di occupazione dei posti letto negli ospedali". Il presidente della Provincia chiede ancora "senso di responsabilità" ai trentini 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato