Contenuto sponsorizzato

Sbanda e precipita con l'auto nel burrone, morta una persona. Decine di soccorritori in azione nel gardesano

L'allerta è scattata nel pomeriggio di oggi, domenica 10 maggio, a Limone quando è stata vista una vettura sbandare e uscire di strada. A quel punto il mezzo è ruzzolato per decine e decine di metri in una scarpata in località Baita Segala e la persona alla guida dell'auto non è stata vista uscire, rimasta all'interno dell'abitacolo

Foto d'archivio
Pubblicato il - 10 maggio 2020 - 18:52

LIMONE DEL GARDA (Brescia). Un'auto è finita in un burrone e una persona ha perso la vita. Il tragico incidente è avvenuto nella zona del lago di Garda. 

 

L'allerta è scattata nel pomeriggio di oggi, domenica 10 maggio, a Limone quando è stata vista una vettura sbandare e uscire di strada. 

 

A quel punto il mezzo è ruzzolato per decine e decine di metri in una scarpata in località Baita Segala e la persona alla guida dell'auto non è stata vista uscire, rimasta all'interno dell'abitacolo.

 

Immediato l'allarme e sul posto si sono subito portati i soccorsi nell'area di confine tra Trentino e Lombardia. Nel frattempo è decollato un elicottero con a bordo l'equipe medica e i tecnici del soccorso alpino lombardo. 

 

In azione anche i vigili del fuoco del Distaccamento di Salò e i pompieri di Riva del Garda, mentre da Trento è partito un elicottero con il personale del nucleo Saf-Speleo alpino fluviale dei permanenti del capoluogo trentino.

 

Nel giro di pochi minuti sono entrare in azione tantissime unità, un'operazione particolarmente delicata per la zona impervia e la tipologia di intervento.

 

I soccorritori hanno messo in sicurezza e isolato l'area, quindi hanno avviato le operazioni per raggiungere il luogo dell'incidente e prestare le cure alla persona bloccata in auto. 

 

La persona è stata portata fuori dall'auto ma purtroppo non c'è stato nulla da fare, troppo gravi le ferite riportate nell'impatto. Difficile anche l'intervento per recuperare il mezzo finito fuori dalla carreggiata.

 

Le operazioni sono ancora in corso, si cerca anche di ricostruire l'esatta dinamica dell'incidente per comprendere le ragioni di questo tragico evento. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 27 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

28 gennaio - 05:01

In una conferenza stampa a senso unico, come al solito, dove è impossibile interloquire e quindi riuscire a capire davvero qualcosa i due vertici dell'Apss hanno provato a spiegare la situazione alla luce dei dati completi mostrati da il Dolomiti in questo grafico dell'Apss. Tra le motivazioni dei troppi decessi il fatto che la popolazione trentina è particolarmente anziana. In valore assoluto, però, l'Alto Adige lo è ancora di più (il 15,6% della popolazione rispetto al 14,1% del Trentino di over 65) quindi quei 350 decessi in più non si spiegano

27 gennaio - 22:12

In particolare nel mese di novembre il Trentino è stato travolto dal contagio, ma solo una parte parziale dei dati è stato comunicato ufficialmente. L'ex rettore Bassi: " Per due mesi ci hanno raccontato che 'gli ospedali si erano riempiti perché i trentini ultra settantenni erano un po' troppo scapestrati e invece di starsene a casa, andavano in giro e si contagiavano'. Una bugia, purtroppo una delle tante"

28 gennaio - 08:24

Le ricerche fatte nell'Adige al momento non hanno portato ad alcuna novità. Intanto sono spuntati dei testimoni sul tentativo del figlio di recarsi in un autolavaggio per lavare l'auto ma è stato fermato dai carabinieri 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato