Contenuto sponsorizzato

Tragedia in montagna, Paolo è morto davanti agli occhi dell'amico. Lascia tre figlie piccole

L'uomo è scivolato in un ghiaione per oltre 200 metri, inutili purtroppo i tentativi di rianimarlo 

Pubblicato il - 28 settembre 2020 - 09:23

BELLUNO. Si chiama Paolo Ambroso di 41 anni l'escursionista che ieri ha perso la vita durante una escursione sul ripido sentiero in cresta che scende dal Monte Cavallo verso Forcella della Val di Sughet, tra il Cavallo e il Cimon di Palantina .

 

Paolo, assieme ad un amico, stava percorrendo il sentiero quando ad un certo punto è scivolato in un ghiaione per oltre 200 metri. Il compagno ha immediatamente dato l'allarme ed è anche riuscito a raggiungerlo cercando di rianimarlo. Il 41enne, però, non si è più ripreso.

 

E' stato impossibile per l'elicottero avvicinarsi alla zona dell'incidente a causa della nebbia. Per questo dopo aver imbarcato un soccorritore dell’Alpago in supporto alle operazioni, è riuscito a portalo in quota con  il tecnico di elisoccorso e i soccorsi sanitari al limite della nebbia, a circa 200 metri dal punto in cui si trovava il corpo di Paolo. Una volta arrivati, però, i sanitari hanno potuto solamente constatare la morte dell'uomo. Troppo gravi le ferite riportate nella caduta.

 

Paolo Ambroso era originario di Rovigo, sposato e con tre bimbe. Appassionato di musica, era molto conosciuto. Faceva l’insegnante a scuola ma era anche il chitarrista del gruppo l’Istrice

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.05 del 26 Ottobre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 ottobre - 19:32

Ci sono 86 persone nelle strutture ospedaliere di Trento e Rovereto, 5 pazienti si trovano nel reparto di terapia intensiva e 10 persone sono in alta intensità. Nelle ultime 24 ore sono stati trovati 113 positivi a fronte dell'analisi di 983 tamponi molecolari per un rapporto contagi/tamponi a 11,5%

26 ottobre - 18:58

I nuovi dati forniti dalla Provincia e dall'Azienda sanitaria dimostrano come l'allerta nelle Rsa rimane alta. Il direttore dell'Apss "Il focolaio maggiore è nella struttura di Malè" e accanto all'emergenza sanitaria c'è anche quella del personale  

26 ottobre - 17:59

Sono stati analizzati 983 tamponi, 113 i test risultati positivi e il rapporto contagi/tamponi sale a 11,5%. A fronte di un leggero aumento rispetto a ieri dei 104 casi in valore assoluto (5,7%), il dato percentuale è praticamente raddoppiato. Sono 10 le persone in più in ospedale per Covid-19

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato