Contenuto sponsorizzato

Tragedia nel lago di Garda, ripescato il cadavere di una donna di 47 anni

Tra le ipotesi il malore in acqua durante una nuotata in solitaria. E' successo sulla sponda veronese del lago 

Foto archivio
Pubblicato il - 21 giugno 2020 - 08:57

VERONA. Tragedia nel lago di Garda, una donna di 47 anni è annegata. Il recupero del corpo è avvenuto ieri sera da parte dei vigili del fuoco.

 

Il drammatico ritrovamento è avvenuto nel Comune di Torri del Benaco, per la precisione in località Pai, sulla sponda veronese del Garda.

 

Da quanto ricostruito dai carabinieri la donna era residente a Bussolengo e si trovava a Torri per trascorrere qualche giorno di vacanza nella propria casa di villeggiatura.

 

Nella giornata di ieri si sarebbe quindi immersa nel lago per una nuotata in solitaria. Non si conosce al momento cosa possa essere successo durante il bagno. La donna, secondo le prime ipotesi, potrebbe essere stata colpita da un malore che non le ha lasciato scampo.

 

Oltre al 118, sul posto si sono diretti i vigili del fuoco, i carabinieri e la guardia costiera.

 

Sul ritrovamento è stata informata l'Autorità Giudiziaria che ha disposto il trasferimento della salma presso l'Istituto di Medicina Legale dell'ospedale di Borgo Roma a Verona.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 29 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

29 settembre - 20:54
L'esecutivo comunale è composto da 4 donne: 2 in quota Partito democratico, una rappresentante per Azione-Unione e Insieme. Il primo cittadino, Franco Ianeselli, ha delineato la Giunta a palazzo Thun chiamata a guidare Trento per i prossimi 5 anni: "Lavoriamo per la città in un'ottica di sostenibilità ecologica, economica, sociale e istituzionale"
29 settembre - 19:46

Sono 25 fino a questo momento le classi messe in quarantena perché sono stati riscontrati alunni positivi, ma 9 di queste hanno già terminato il periodo di isolamento mentre le altre 16 dovrebbero concludere questa misura tra pochi giorni

29 settembre - 20:36

L’assessore all’istruzione parla di “discriminazione ai danni dei nostri cittadini” ma l’unica ad aver discriminato qualcuno è la Provincia di Trento, così come stabilito da un giudice. Se un tribunale, di fronte a un ricorso di un cittadino, applica le leggi la colpa non è sua ma di quella Giunta incapace di scrivere un provvedimento degno di questo nome

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato