Contenuto sponsorizzato

Troppa neve sul Pasubio. Il soccorso alpino: "Strada delle Gallerie non percorribile. Scariche di sassi sulla Strada degli Eroi"

L'abbondante nevicata caduta sulle montagne tra Veneto e Trentino ha creato non pochi disagi alla sentieristica. Sul Pasubio la Strada delle Gallerie non è agibile, mentre la Strada degli Eroi è stata giudicata pericoloso per possibili "scariche di sassi e neve" A comunicarlo è il Soccorso alpino e speleologico veneto

Pubblicato il - 13 October 2020 - 17:58

VALLI DEL PASUBIO. La tanta neve caduta durante il fine settimana ha necessariamente portato dei disagi sui sentieri di montagna. L'atteso cambio di stagione, infatti, pare arrivato e le forti nevicate avute sulle Dolomiti e le montagne al confine tra Veneto e Trentino incideranno per forza sulle prossime scelte degli escursionisti.

 

Oltre alle magiche immagini provenienti dai monti, come quelle di un incantevole scenario in cui si è tenuta la transumanza delle vacche da Malga San Giorgio, in Lessinia (video qui sotto), sono diversi i percorsi resi inagibili dal manto nevoso. Come comunicato dal Soccorso alpino e speleologico del Veneto, ad esempio, la strada delle gallerie del Pasubio, affascinante sentiero che arriva al rifugio Achille Papa costruito durante la Grande Guerra, non è percorribile.

 

 

“Attenzione sul Pasubio – scrive in un breve post il Soccorso alpino – la strada delle Gallerie NON è percorribile. La parte alta è estremamente pericolosa”. Stesso discorso per la Strada degli Eroi, anch'essa posta tra le Prealpi vicentine e la Vallarsa, a cavallo tra Trentino e Veneto. Qui, spiega il Soccorso alpino, “scariche di neve e sassi” possono travolgere gli eventuali improvvidi escursionisti a partire “dalla Galleria d'Havet”.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

17 January - 05:01

L’anomalia dei tamponi molecolari: con una parità quasi perfetta dei test eseguiti (13.892 a Trento, 13.764 a Bolzano) i positivi rilevati dall’Alto Adige sono il triplo di quelli trentini dove, in 10 giorni, si dichiarano appena 567 contagi. Dai casi fantasma ai macroscopici errori dell’Iss (che dovrebbe controllare le Regioni), pare impossibile avere un quadro puntuale dell’evoluzione epidemiologica

16 January - 19:43

Sono 333 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 46 pazienti sono in terapia intensiva e 45 in alta intensità. Oggi sono stati comunicati 7 decessi di cui 6 in ospedale

16 January - 17:59

Fugatti esulta: “Grazie ad un Rt sotto l’1 il Trentino rimane in zona gialla”, ma in conferenza stampa deve spiegare. Nel monitoraggio settimanale dell’Iss l’Rt del Trentino è indicato all’1.01. Nel frattempo Luca Zaia, nonostante un Rt di 0.96, ha chiesto e ottenuto di finire in zona arancione

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato