Contenuto sponsorizzato

Ubriaco inizia ad urinare in mezzo all'incrocio, a un 18enne multa da quasi 3500 euro

E' successo ad Appiano, il giovane ha iniziato ad urinare in mezzo alla gente e la prima sanzione è stata di circa 3300 euro. Oltre a questo ha ricevuto una seconda sanzione perché ubriaco 

Pubblicato il - 17 ottobre 2020 - 15:51

BOLZANO. Due sanzioni per un totale di quasi 3500 euro. E' quanto si è visto presentare dagli agenti di polizia nelle scorse sere un ragazzo di 18enne di Appiano. 

 

Il giovane, infatti, si trovava ad Appiano, all’incrocio tra via Vintler e via Franziskaner, ed erano le 23.40  quando è stato sorpreso a orinare in mezzo all’incrocio in presenza di altre persone

 

Gli agenti, considerato l'atto contrario alla pubblica decenza dal codice penale con una sanzione amministrativa pecuniaria prevista di 3.333 euro, è scattata la contestazione.

 

Ma non solo, il 18enne è stato sanzionato anche per ubriachezza in pubblico con 102 euro.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 01 marzo 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

02 marzo - 13:16

Dopo aver lasciato il Patt nei giorni scorsi, l'ex governatore ha sciolto velocemente le riserve per approdare al partito di Carlo Calenda. Una decisione nell'aria da tempo e da qualche giorno l'ex autonomista ha ''sprecato'' like e ''retweet'' per Laura Scalfi e Mario Raffaelli, referenti provinciali del movimento, e poi ancora per Azione più in generale

02 marzo - 13:50

Il presidente della Provincia Arno Kompatscher e l'assessore alla Salute Thomas Widmann hanno ribadito la bontà della "via altoatesina" per contenere il virus. Lanciato intanto il progetto pilota per testare gli alunni delle scuole elementari

01 marzo - 17:28

A una settimana dall'attentato in cui è morto Luca Attanasio, Padre Eliseo, missionario comboniano originario della Valpantena che per oltre 30 anni ha lavorato in Congo, parla della complessa situazione del Paese e delle accuse del governo congolese verso i ribelli: "Alcuni elementi non sono chiari, andando per esclusione si può pensare a forze legate allo Stato o ai Paesi vicini"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato