Contenuto sponsorizzato

Uccidono e scuoiano una pecora, poi abbandonano la carcassa in strada. Denunciate tre persone, anche per violazione del decreto sul coronavirus

Le persone fermate devono rispondere di vari reati come macellazione abusiva, uccisione di animale e inosservanza dei provvedimenti previsti dal governo in materia Covid19. Scoperti e denunciati dai carabinieri

Pubblicato il - 16 marzo 2020 - 21:14

CASTEL IVANO. Tre persone sono state fermate per uccisione di animale e macellazione abusiva, oltre naturalmente alla violazione del decreto che vieta gli spostamenti se non quelli strettamente necessari a causa dell'emergenza coronavirus.

 

Durante un pattugliamento i carabinieri della stazione di Castel Ivano hanno sorpreso tre persone fuori dalle proprie abitazioni.

 

I tre si sono resi responsabili di aver tagliato la gola a una pecora e quindi hanno scuoiato l'animale.

 

Terminate queste attività, hanno pensato bene di lasciare la carcassa a terra lungo la strada.

 

I militari hanno identificato i tre, che sono stati denunciati.

 

Le persone fermate devono rispondere di vari reati come macellazione abusiva, uccisione di animale e inosservanza dei provvedimenti previsti dal governo in materia Covid19.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 ottobre - 20:30

Se le incertezze sono tante, tantissime, e il momento è delicato per l'emergenza Covid-19, le parole del presidente Maurizio Fugatti non aiutano a chiarire nulla o quasi. Non si capisce il senso di una conferenza stampa convocata in questo modo e di questo tenore per spiegare quanto succede in Trentino alla luce dell'ultimo Dpcm del premier Giuseppe Conte

25 ottobre - 20:07

Sono state poi registrate 12 positività tra bambini e ragazzi in età scolare e sono in corso le verifiche per procedere alla quarantena di altre classi, che attualmente riguarda 122 unità

25 ottobre - 19:16

La Provincia di Bolzano ha emesso una nuova ordinanza con valenza da lunedì 26 ottobre a martedì 24 novembre: bar e ristoranti potranno continuare a lavorare con gli orari attuali ma nuove restrizioni, mentre nelle scuole la didattica a distanza sarà portata solo nelle superiori al 50%. La misura più dura riguarda però il coprifuoco dalle 23 alle 5. In questo arco di tempo non ci si potrà muovere dal proprio domicilio se non muniti di autocertificazione

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato